Conversazioni con i cittadini

«Avrei voluto farti vedere il Borgo 22 anni fa»

 

– Non dirlo a me. Avrei voluto farti vedere il Borgo 22 anni fa. Il muro della ferrovia non esisteva, c’era ancora la palizzata bianca, sai, proprio come nelle vecchie cartoline, palizzata, erba e ferrovia.
– Carino, ancora in stile anni Cinquanta. Anche a Melegnano la stazione nelle cartoline era un bijou. L’ideale sarebbe attrarre ingegneri e architetti qui, per ripristinare in queste parti di città il loro aspetto di  un tempo…
– Il progresso, chiamalo progresso, siamo diventati solo paesi dormitori, e Melegnano già si salva. Qui non c’è più niente, ora ha chiuso anche Castelli, il negozio di cose per la casa, bomboniere ecc. Non so da quando c’era, ma brutto veder chiudere tutto. Rimane solo un panificio, la posta, 2 tabaccai, un giornalaio, 3 pizzerie, negozio delle cascine. Qui non fanno mai nulla, checché ne dica l’associazione di Borgo, vedasi mercatini di Natale, non ho controbattuto alla signora che ha postato le foto ma volevo dirle, signora, forse nel pomeriggio, ci sono state le bancarelle ma la mattina ce ne erano 10 a far tante e solo vigili e carro attrezzi a portar via le auto in divieto di sosta. Divieto messo tra un’auto e l’altra e molti no lo hanno visto. Mio figlio ha preso la multa, e meno male che quella mattina l’ho tirato giù dal letto per farmi accompagnare in un posto. Se no gli portava via l’auto. Lui però mi ha assicurato che il divieto non l’aveva visto. Son passata allora a vedere, sì, i divieti c’erano ma sul davanti delle auto, non dietro. Come poteva vederli chi li ha parcheggiati lì?
– Hanno messo i cartelli? Non si è dato preavviso?
– Infatti. hanno messo i cartelli, quelli mobili. Senza nastro. Niente di niente. io non sapevo neanche dei mercatini, certo, se leggi Tam Tam mi pare ci fosse scritto, ma non sono obbligata a leggere Tam Tam. Sinceramente non volevo pagarla la multa, ma mio figlio mi ha detto, ci costa più di giudice di pace che di altro, e hanno sempre ragione loro…
– Guarda, in questi pochi mesi di blog, l’impressione è che in queste città negli uffici nessuno abbia voglia di lavorare e che chi ne va a capo deve fatturare per il partito, non per l’azienda comunale. Parliamo di azienda comunale? Un sindaco del territorio, quindi capo d’azienda comunale, è stato abbandonato da tutti perché si occupava dell’azienda e non di fatturare nuove iscrizioni e nuovi voti per il partito. È completamente un’altra realtà. un mondo completamente diverso da quello come il nostro che domanda efficienza, decoro, servizi.
– Bravo, ben detto, pensano solo al loro tornaconto. Il grave è che noi le tasse le paghiamo. E siamo abbandonati al come viene viene.

_

Per info sulla foto in evidenza:
http://www.lombardiabeniculturali.it/fotografie/schede/IMM-2w010-0000252/

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...