Il caso

Il carnevale spiegato. Riflessioni pacate sulla sicurezza

2 mostra santelliIl blog posa le maschere. Una riflessione aperta e saggia sui quesiti posti in settimana

MELEGNANO – L’assessore comunale di Melegnano Fabio Raimondo afferma sui social di avere «provveduto ad adire tutte le competenti Autorità» per «perseguire i responsabili» di «gravissime accuse ed offese che gli sono state rivolte». Sembra chiaro il riferimento ai contenuti che questo blog ha pubblicato nel post «La sicurezza di Raimondo» anche se il messaggio reca un destinatario generico. Il post è un’inchiesta satirica. È una delle categorie di post più seguite su questo blog. Come il pubblico sa, essa è una forma originale di comunicazione con i lettori, ispirata agli albori dell’informazione giornalistica, al teatro popolare e colto, all’umorismo satirico, al pamphlet. Il linguaggio assume pose teatrali, è diretto o selvaggio o scandaloso; anzitutto auto-ironico, fa capire di trovarsi davanti a una lettura particolare della realtà. Una lettura politicamente scorretta ma dichiarativa, anche quando è metaforica; una lettura rigorosa del diritto d’informazione; una chiave di lettura che ammonisce di non considerare le responsabilità pubbliche come se fossero degli assoluti. È abitudine che le autorità politiche lascino che queste forme di comunicazione si sviluppino senza interferire. Se interferissero non farebbe piacere.
Ma è possibile che a volte sia colpita una coscienza, una sensibilità, o una dedizione genuina al proprio lavoro, al proprio vissuto. Questo fa dispiacere, all’opinione pubblica e ai giornalisti. La sede della coscienza è sacra, è preziosa per il nostro mondo moderno. In questi casi, dopo attenta valutazione, bisogna essere pronti alla saggezza.
Di solito, le critiche rivolte alle autorità politiche sono espresse da singoli individui o da singoli gruppi mediante formule di solo rito. Di solito la soglia di attenzione delle autorità ha pareti difensive molto alte, così da «selezionare all’ingresso» le critiche, per smarcare, evitare le critiche inconsistenti e concentrarsi su quelle più mirate, efficaci. Va riconosciuto che questa categoria di post del blog ha una gittata superiore rispetto a quella delle normali critiche. Nel post pubblicato lunedì sono messi in luce dati di fatto riguardanti le elezioni melegnanesi del 2007, sulle quali non c’è attualmente ipotesi di reato, che è comunque possibile discutere con l’opinione pubblica. Sono innanzitutto messi in luce dati riguardanti il presunto background del parlamentare Ignazio La Russa, responsabile del partito Fratelli d’Italia a cui è iscritto l’assessore; La Russa è frequentemente fotografato con l’assessore, è andato in televisione con lui. Questo non implica nulla; ma è un background, quello dell’onorevole La Russa, che nelle fonti giornalistiche, nei documenti giudiziari e investigativi non risulta chiarito in termini di legalità. Su cui pende un possibile rinvio a giudizio. È bene, allora, proporre un’esposizione pacata e civile dei costrutti (cioè dei linguaggi, dei concetti e delle forme) pubblicati su questo blog, nella speranza di ottenere risposte dall’opinione pubblica.

I
Le indagini giudiziarie sul conto di La Russa parlano effettivamente di «38mila euro di rimborsi elettorali gestiti in modo presumibilmente non corretto». Secondo le indagini i rimborsi, destinati al partito Fratelli d’Italia al quale è iscritto La Russa, sarebbero stati «effettuati presso la Camera dei Deputati». Quei rimborsi, è l’accusa a dirlo, sarebbero stati usati da Ignazio La Russa, attualmente eletto in parlamento, per fare «acquisti personali tra il 2004 e il 2010». A novembre 2015 la procura di Roma ha depositato gli atti delle indagini e si prepara il rinvio a giudizio di La Russa per il reato di peculato (clic alla notizia ANSA e alla notizia Askanews). I soldi dei rimborsi elettorali sono soldi dello stato, distribuiti ai partiti dopo le elezioni in base al numero di seggi ottenuti con i voti.
È presumibile in base a due investigazioni della Squadra Mobile di Milano del 2008 (documenti di solo valore investigativo, non penale, non ancora o non affatto confluiti nelle indagini dei magistrati) che vi possano essere stati movimenti tra Ignazio La Russa e l’influente capoclan di ’ndrangheta Salvatore Barbaro. La Russa ha personalmente dichiarato che si tratta di investigazioni mai divenute indagini; che è pronto a tutelarsi con ogni mezzo. È corretto però portare i dati a conoscenza dell’opinione pubblica. Ecco i documenti.
È fine marzo 2008. A Milano «arrivano, sulla scrivania di Ilda Boccassini, alcune informative degli investigatori sui rapporti tra ’ndrangheta e politica». Ilda Boccassini è la coordinatrice dell’inchiesta antimafia Infinito che nel 2010 portò all’arresto di 160 presunti mafiosi in Lombardia. L’informativa datata 11 aprile 2008 è stata depositata dalla polizia presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Milano. L’informativa scrive che «il deputato Ignazio La Russa, attraverso un suo familiare e attraverso tale Clemente, avrebbe fatto contattare Salvatore Barbaro». Secondo l’informativa i due avrebbero chiesto qualcosa di gravissimo: «Un intervento della sua famiglia su tutta la comunità calabrese presente in provincia di Milano, al fine di far votare la lista del Popolo della Libertà».
Tutto questo è scritto in un libro dal titolo Le mani sulla città, degli autori G. Barbacetto e D. Milosa, da pagina 14 a pagina 18. «Chi è “il familiare di La Russa”?» scrivono gli autori a pagina 17. «È Marco Osnato, genero del fratello di La Russa, Romano». Secondo gli autori, «Clemente» è «Marco Clemente, all’epoca titolare della discoteca Lime Light di via Castelbarco, Milano». In cambio della richiesta di «intervento sulla comunità calabrese», il «familiare di La Russa avrebbe garantito a Barbaro che dal 2009 in poi ci sarebbero stati numerosi appalti da assegnare» e, «se vincerà il Popolo della Libertà, i lavori più consistenti (…) sarebbero stati subappaltati a lui» (v. pagina citata).
Nella seconda informativa della Squadra Mobile di Milano datata 19 maggio 2008 (il Popolo della Libertà aveva appena vinto le elezioni) «Marco Clemente incontra Salvatore Barbaro in compagnia di Domenico Papalia, figlio del superboss Antonio Papalia, all’ergastolo. Barbaro e Papalia chiedono a Clemente informazioni sugli appalti promessi prima delle elezioni» (pagina 19).
Non sarebbe l’unica frequentazione di Clemente, genero di La Russa, con ambienti di mafia presunta o accertata. Nelle intercettazioni troviamo Clemente, facendo un passo indietro nel tempo, a colloquio con Giuseppe Amato del clan di Pepè Flachi, boss della Comacina (pagine 15 e 16 del libro). Giuseppe Amato è stato arrestato per associazione mafiosa e condannato a 14 anni di carcere (clic alla notizia della condanna). Le parole di Clemente e Amato sono state intercettate il 17 febbraio 2008. Scrivono le cronache giudiziarie che Giuseppe Amato, detto Pinone, «aveva un passato in Forza Nuova e riscuoteva il pizzo nei locali» (clic a un articolo sui membri del clan Flachi).
Vi sono presunte frequentazioni tra La Russa e il costruttore e imprenditore edile Salvatore Ligresti (motivate da rapporti professionali e fondate su notizie giornalistiche) che sono andate sui giornali (clic alla notizia dei 451mila euro destinati dalla società di Ligresti a La Russa). La percezione di questi rapporti, soprattutto a causa delle costanti indagini della magistratura su Salvatore Ligresti e della sua recentissima condanna, sono materia discussa all’interno delle forze politiche. Anche nella destra e nell’ex MSI. Come scritto nell’articolo dal titolo «Da vent’anni il tumore sono Ligresti e i La Russa», un contenuto riportato in modo fedele all’originale, non automaticamente opinione di questo blog (clic alla notizia del Wall Street Journal Italia, originariamente apparsa sul Fatto Quotidiano). Il Libro Le mani sulla città scrive: «Secondo il rapporto dell’11 aprile 2008 della Squadra Mobile di Milano, l’operazione tra Clemente e Barbaro potrebbe coinvolgere un noto immobiliarista siciliano che opera a Milano. Chi conosce La Russa e i suoi rapporti non può fare a meno di pensare a Ligresti» (pagina 17). Non automaticamente tutti questi dati formano l’opinione del blog su Ignazio La Russa, affermato come professionista e politico. Ma allertano, e devono essere chiariti diventando materia urgente di opinione pubblica.

II
La notizia raccolta dal blog sull’ingresso dell’assessore Raimondo nel comune di Melegnano nell’anno 2007 (ingresso legittimato dal sindaco di Melegnano che lo nominò personalmente; la legge non lo vieta) è di dominio pubblico in Melegnano.
La notizia che riguarda una presunta attività di promozione che l’assessore fece nel 2012 durante la sua campagna elettorale presso le case popolari, è in verità anch’essa di comune dominio in Melegnano; su di essa non pendono notizie di reato né scandali giornalistici o giudiziari; le fonti non l’hanno presentata a questo blog come costituente reato. Oggettivamente, la promozione presso l’elettorato popolare è in linea con l’indirizzo politico tradizionale di Fratelli d’Italia, il partito dell’assessore, che ha riguardo per l’ambito dei servizi sociali e quindi degli alloggi convenzionati. È comunque un territorio minato per i partiti. Romano La Russa, fratello di Ignazio e membro del partito, si trovò coinvolto in un’indagine su un finanziamento illecito in ambienti vicini all’edilizia popolare. Il finanziamento illegale consisteva in 10mila euro consegnati a Romano La Russa da una società che gestiva l’edilizia popolare. Ma il finanziatore è stato condannato, Romano La Russa è stato assolto nel 2013. Inoltre sono territori diversi; questo è territorio di appalti, mentre il fatto di promuovere una campagna elettorale è territorio di elezioni. Non necessariamente una casa popolare è mafiosa, anche se l’immaginario pubblico può essere portato a farsene l’idea e il blog.
Ma è corretto che, viste le critiche e le notizie riguardanti La Russa, si osservi nell’ambito delle case popolari melegnanesi un grado massimo di trasparenza. A causa delle continue notizie giornalistiche e delle denunce sulle irregolarità degli alloggi. Che preoccupano (clic a Il Cittadino di un anno fa, 22 gennaio 2015, e a una notizia più recente sullo stesso giornale).
Le informazioni sulla campagna elettorale del 2007 sono riscontrabili presso gli uffici comunali in piazza Risorgimento. Si informa che le fonti protette consultate da questo blog sono coperte da segreto professionale, come disciplinato dalla legge; le fonti non hanno mai parlato di reati.

III
Carissime lettrici, cari lettori. Nel nostro mondo moderno non si vive di assoluti e se l’opinione pubblica chiede alle autorità di non salire su un piedistallo non può salirci anche lei. Questo blog afferma con forza il valore pubblico e la preminenza della scrittura, dei rapporti tra lettori e scrittori, dell’informazione e dei generi letterari che la disciplinano. Va riconosciuto comunque che questi valori non devono essere per forza degli assoluti. Il blog ha allora il coraggio di posare le sue maschere e di essere chiaro nei confronti dell’importante sfera della coscienza.
Così riesce meglio comunicare che c’è in gioco la coscienza civile di una città. Le battute, le barzellette giovanili sui personaggi politici riportate su questo blog sono e restano tali: barzellette. Solo la barbarie le eleva a metro di giudizio. Nella Melegnano reale le prossime elezioni non sono lontane e le forze politiche hanno iniziato il confronto pre-elettorale. Certamente non è opinione del blog che, oggi, un partito come quello di Fratelli d’Italia offra un background politico del tutto credibile, visti i dati giudiziari e investigativi, visti i dati disponibili sui responsabili e Ligresti; viste le irregolarità continue negli alloggi popolari melegnanesi. È vero, la vicinanza politica non significa automaticamente vicinanza o continuità di comportamenti: c’è sempre la coscienza. Certo di condividere l’opinione pubblica, il blog spera solo che esprimendosi in questa forma sia più facile per l’assessore e i rappresentanti rendere chiari, nel modo che preferiranno, i quesiti offerti da questo post, che ha la pacatezza e la saggezza di non interferire in modo barbaro con la sfera speciale di una coscienza. La nostra.

Mercoledì 27 gennaio 2016 

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...