L'analisi al radar

Sul ring con RADAR: la nobile arte dell’inchiesta e della querela

Ultimamente querelare RADAR è diventato uno sport locale.

In accordo con la nostra difesa, ci occupiamo solo di polemica creativa e positiva. Perciò in questo articolo lo Staff non darà una disamina delle notifiche e degli atti di querela.

Meglio fare una rassegna giornalistica delle nostre maggiori campagne d’informazione, svolte con consapevolezza di tecniche, di pubblico, di mestiere.

Con le 92mila visualizzazioni, i 58mila visitatori e i 18mila accessi diretti in home page del 2015, il blog ha realizzato l’obiettivo di generare traffico su contenuti di innovazione, utilità e qualità lodati dai lettori e dagli specialisti di settore. Tutti i professionisti locali dell’informazione annuiscono a RADAR, forniscono critiche preziose. I cittadini non smettono di contattare lo Staff in via fiduciaria, ingegneri essi stessi della nostra qualità.

Ma l’essenza di RADAR è l’iniziativa presa nella costruzione di campagne d’informazione online. La più popolare è stata contro il razzismo antislamico e il linguaggio discriminatorio. L’archiviazione delle indagini nate nel caso Musulmani Al Rogo, chiuse il 18 aprile, dichiara che non è insulto e non è reato chiamare «disprezzo, intolleranza e odio», «incitamento all’odio e alla violenza contro una minoranza», «sostegno ad atti di violenza reali» i post pubblicati nel 2011-2015 sui social melegnanesi, che gli elettori di estrema destra rivolgevano contro i gruppi nordafricani, asiatici e nomadi presenti in città.

All’arresto di Gianstefano Frigerio nel 2014 e di Mario Mantovani nel 2015 RADAR ha aperto una nuova campagna. Ha portato il pubblico negli affari occulti dell’Azienda Ospedaliera di Melegnano tra il 2012 e il 2013, e nella consulenza che l’ingegnere capo al provveditorato (secondo i giudici contiguo agli interessi di Mantovani) ha prestato nel 2012 per il cimitero sulla Cerca. È una campagna fondamentale per l’opinione pubblica; è importante al pari della prima svolta contro il razzismo; e se non loda l’operato del centrodestra melegnanese, è anche vero che non susciterà mai nel centrodestra nessuna lode per il coraggio e l’obiettività delle informazioni. Quindi, è tutto giusto così. Gentiluomini, onoriamo ciascuno i nostri doveri.

Marco Maccari, martedì 3 maggio 2016 ore 14:08

mamacra@gmail.com

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...