Il caso

Ore 3:00am, sventa un furto in condominio. Ma «a Melegnano non si può partire sicuri»

via-campania_2VIA CAMPANIA – Tre del mattino: sente rumori sul pianerottolo, non i soliti rumori. Si alza dal divano. Scopre che lo spioncino è oscurato con nastri adesivi: armeggia alla serratura, apre la porta; fa in tempo solo a scorgere tre persone dileguarsi per le scale. Nastri oscurano gli spioncini di tutti gli ingressi.

È la testimonianza di un residente: il tentativo di effrazione, segnalato ai carabinieri, è accaduto la mattina del 27 giugno in via Campania, la strada senza via d’uscita del quartiere San Francesco tra la scuola primaria di viale Lazio e la scuola materna di viale Lombardia; una delle strade che segnano il perimetro dell’area 167, l’ex cimitero di Pedriano, terreno non edificato, popolato da lepri, erbacce e, fino a pochi mesi fa, rifiuti e avanzi di materiale da cantiere. Sull’area il comune voleva costruire ma nel 2011 il progetto andò in fumo, lasciando il terreno a marcire.

«Ho notato una persona che usciva dalla chiesetta, si lavava con una bottiglia; la sera si vedono luci» dichiara un residente; è da metà giugno che nota movimento notturno nella cappellina situata al centro dell’area abbandonata.

Nella zona, mal recintata e piena di varchi d’accesso, lunedì 27 giugno due cittadini hanno deciso di svolgere un sopralluogo. La cappellina non si è dimostrata disabitata, con una giacca usata, tracce di bivacco, bottiglie d’acqua e di Coca-Cola; in seguito, all’interno dei container collocati presso il cancello e rimasti in piedi dopo l’abbandono del cantiere, hanno trovato tre materassi con coperte: «Portarli via è impossibile perché appartengono a un consorzio. Assurdo» commentano.

Il comune aveva anticipato un’ispezione del sindaco e del comandante della polizia locale per il giorno 29 giugno. Ma, riferiscono i residenti, non è avvenuta.

I furti della stagione estiva intanto fanno il giro dei rioni: «A Melegnano non si può partire sicuri» scrive una melegnanese sui social network. «Dove sono le forze dell’ordine?» è la domanda degli abitanti; «noi come cittadini cosa dobbiamo fare? Non è vero che i cittadini non segnalano. Segnalano eccome. È alle autorità che non importa nulla. Ma non dimentichiamoci: tra un anno si vota e, allora, quando torneranno a chiedere il mio voto…».

Marco Maccari, mercoledì 6 luglio 2017 ore 16:05

mamacra@gmail.com

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...