Il caso

Nessun profugo in arrivo

bellaria_ex_caserma«NON C’È NESSUN numero di 400 profughi, non c’è nessun dato di arrivo. Semmai il prefetto ha anticipato un numero di 300 profughi. Ma si può escludere un arrivo imminente. E io mi attengo al prefetto. Ha detto che verificherà se l’ex caserma di Bellaria a Peschiera Borromeo sia adatta. Ma prima che sia lontanamente adatta devono passare mesi; non so se l’avete vista: al momento è una giungla con edifici diroccati. Aggiungo solo che diffondere i profughi sul territorio è da privilegiare rispetto a ghettizzarli».

Parole di Caterina Molinari. Sindaca di Peschiera Borromeo; dove sorge l’ex caserma di Bellaria. Parole che mandano nella spazzatura la notizia apparsa sul Cittadino (clic).

UNO IN PERICOLO
Cos’è un profugo? La risposta più bella è di un profugo stesso: «Io non sono uno pericoloso. Io sono uno in pericolo». L’unione europea lo sa. Con il regolamento di Dublino offre ai profughi asilo e status protetto.

Perché un profugo è «in pericolo»? Vediamo. A San Zenone un profugo 24enne avrebbe rapinato una prostituta. Rubati 200 euro. Ma la notizia merita un titolo più bello: MILANO. ULTIMO ASSALTA ULTIMA. SOPRAVVIVENZA TRA DISPERATI ARRIVA ALLE MANI NUDE.

E se assalti una regina della strada vuol dire che il tuo pericolo è gravissimo, fratello. Non hai più niente, terra, casa, nazione. Non sei padrone nemmeno di te stesso.

MELEGNANO, I 3 POST PIÙ BRUTTI SUI PROFUGHI
Per questo Melegnano, vicina a San Zenone, si prepara a respingere tutti i profughi. Leggiamolo nei 3 post più brutti pubblicati sui social melegnanesi.

La spiegazione al grado brado è dell’assessore Fabio Raimondo di Fratelli d’Italia. «Una patata bollente» li definisce sulla Pagina di partito (15 agosto). Medaglia di merda, ma resta in fondo al podio.

Si capisce perché Destra Sociale, con il suo responsabile Vincenzo Circosta, scriva sul suo profilo: «Questa è invasione, signori miei» (8 settembre, 18:52). Il suo post tagga tutti gli esponenti della destra cittadina: il sindaco Vito Bellomo, Fabio Raimondo, il povero Massimo Codari, persino il presidente del consiglio comunale Pier Antonio Rossetti. Significherà qualcosa il mi piace di Dario Marcello Soldan, amministratore di Melegnano Notizie, querelante di RADAR su analogo tema. Seconda posizione.

L’alloro olimpico va a un commento qualsiasi. È di Marco Rossi. «Immigrazione? Il governo non può sbatterla sui sindaci» (10 settembre, 20:10). Perlacea saggezza. Marco Rossi, ventenne, sarebbe attivista di Fratelli d’Italia Melegnano. Nell’ambiente politico è meglio noto per la sua assenza di qualità estetiche o intellettive: «I sindaci hanno sulle spalle ben altri problemi». Come il problema delle sue cazzate, ad esempio. Per lui, «la percentuale dei veri profughi non arriva al 10%». Per ANSA invece, e per la Commissione Nazionale per il Diritto d’Asilo, nel 2016 gli status di rifugiato e di protezione sussidiaria in Italia arrivano al 17%; con la protezione umanitaria arrivano al 35%. Come si legge qui. «Ma per una manciata di voti si finge di voler accogliere dei poveracci senza speranze». Poveracci senza speranze. Chi gira questa definizione a un profugo, per un parere? Una gioventù che spara sul più debole, carezzevole invece nei confronti del potente di turno, non è lo spettacolo più #brutto della Storia? Per fortuna la Storia dimentica. Dimentichiamoci di lui alle elezioni di maggio 2017.

Lo Staff, martedì 13 settembre 2016 ore 17:15 

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...