L'intervista

Ho trent’anni, ho due figlie, ho bisogno di una casa

Non ne parla nessuno. Non ne parlano le notizie. Non ne parlano gli amministratori, i comitati, i politici. Non ne parlano su Facebook.
È tutto uno scintillante circo al neon.
Ma quando rientriamo a casa, e si chiude la porta, e la luce si spegne, tutti ci accorgiamo della verità.
La Melegnano che raccontiamo oggi è l’unica che esista veramente.
Hanno lasciato una città completamente sola. 

Buongiorno. Sono una giovane donna. Racconto la mia storia alle persone come me, perché possano capire.

Ho trent’anni, ho due figlie, sono sola. Ho bisogno di una casa. Gli assistenti sociali del terzo polo minorile hanno constatato che vivo in un appartamento condiviso con un anziano, ritenuto inagibile, senza bagno interno e senza riscaldamento.

Per tale motivo mia figlia minore è stata mandata a vivere con il padre. Ma il padre, che io non frequento più, ha dei precedenti.
Mi sono attivata in comune per fare domanda per una casa, in dicembre 2015. Ma mi è stato detto che non avevo i 5 anni di residenza. Ma io a Melegnano ci sono nata, ci vivo da trent’anni, senza avere mai cambiato residenza.

Ho inviato al comune una prima lettera protocollata a gennaio, a cui non è stato risposto. Grazie a una seconda lettera protocollata a marzo inviata agli assistenti sociali e al sindaco ho avuto un colloquio personale con l’assessore dei servizi sociali.

A colloquio con l’assistente sociale del comune di Melegnano mi è stato detto che a volte le persone devono risolversi i problemi da soli e non aspettare gli altri.

L’assessore si è limitato a dire che avrebbe parlato con l’assistente sociale. Per avere un alloggio in un comune si deve avere la residenza nello stesso comune da 5 anni almeno. Infatti, dopo la lettera protocollata, sono improvvisamente usciti i 5 anni di residenza e mi hanno fatto fare richiesta per la casa.

Presentata la richiesta mi hanno purtroppo annullato tanti punti, dicendo che la mia condizione non dura da almeno tre anni. Nel 2017 potranno accettare la mia richiesta se sarò ancora in questa situazione.

Non ho nessun tipo di aiuto da parte della mia famiglia di origine e da sola non è facile. Per avere un affitto i proprietari chiedono caparra e un contratto di lavoro che superi di tre volte l’affitto. O se no un garante. Gli assistenti sociali hanno avuto colloqui con i miei genitori. Per dire loro di aiutarmi, ma loro si sono negati. Ho chiesto direttamente aiuto a loro, li ho pregati, anche di ospitarmi finché non avessi risolto, niente da fare. Pubblicai una foto del mio WhatsApp su Facebook, con la loro risposta: “QUI NON PUOI STARE”.

Racconto la mia storia ma non è facile. Chiedere una casa e veder passare prima di me persone che hanno sicuramente bisogno, ma non credo così tanto come me… Ma questa purtroppo è la realtà.

Lo Staff, lunedì 28 novembre 2016 ore 10:30
ilblogradar@gmail.com

Annunci
Standard

4 thoughts on “Ho trent’anni, ho due figlie, ho bisogno di una casa

    • Progetto Caucus ha detto:

      È vero che sia incredibile, ma quello che succede qui a Melegnano è il sintomo di ciò che succede in tutta la Lombardia. Grazie per avere letto.

      Mi piace

  1. A. ha detto:

    È mai possibile che una cittadina antica come Melegnano, ricca di vestigia medievali, ed altro ancora, non abbia un servizio sociale municipale che collabori fattivamente con la relativa Parrocchia? E con le strutture religiose(non solo quelle cattoliche o comunque di confessione cristiana) ma anche con le altre realtà religiose e laiche?
    Ma dove è finita la “charitas” di Ambrogio che ha caratterizzato duemila anni di storia?
    Ricordiamoci sempre che Ambrogio apparteneva ad una famiglia Senatoria di Roma, e quando è stato acclamato “Episcopo a furor di popolo” non era nemmeno battezzato.
    Fate cadere le barriere politiche e si cominci a tornare agli antichi “usi e costumi” della gente ambrosiana.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...