Il dibattito

Caro sindaco, e tu c’eri in piazza per le vittime innocenti di mafia? No? E perché no?

SUD EST MILANO – Il 21 marzo è il primo giorno di primavera. Da 22 anni ormai Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie ha deciso di dedicare questa giornata — e da qualche settimana ha deciso di farlo anche la Repubblica Italiana con una legge dello Stato — alla memoria delle vittime innocenti di mafia. Da 22 anni nelle piazze italiane si celebra il primo giorno di primavera con quel rito laico di lettura di tutti i nomi delle vittime innocenti di mafia per ridare loro la dignità.

I nomi delle vittime, scritti su ali di farfalle colorate, sono 950. La più piccola, Caterina Nencioni, aveva 53 giorni nella notte tra il 26 ed il 27 maggio del 1993 quando in via dei Georgofili a Firenze esplose l’autobomba che la uccise, insieme a suo padre Fabrizio, sua madre Angela e sua sorella Nadia di 9 anni.

Il 21 marzo di quest’anno circa 500.000 persone in tutta Italia hanno partecipato a questo rito. Anche dal sud est milanese, i ragazzi di Melegnano hanno deciso di partecipare in piazza. E dal sud est milanese alcuni amministratori hanno deciso di colorare la piazza con la loro fascia tricolore.

E la presenza, in questi casi, non è una conferma del fatto che le mafie sono nel loro territorio. Mentre l’assenza, ahinoi, è un momento di negazionismo o di distrazione imperdonabile.

la-rocca-2Allora a voi, sindaci distratti del sud est milanese, mando un augurio: che le ali di una delle farfalle che il 21 marzo hanno colorato l’Italia possa graffiare le vostre coscienze. Che quelle ali colorate vi aiutino a togliere dal sud est milanese quel manto scuro di negazionismo e di toni duri e acerbi con cui, in queste ultime settimane, si è cercato di non ricordare gli eventi, di smussare gli angoli, di far finta di niente o di trovare i colpevoli che hanno fatto la spia, quando sarebbe invece stato probabilmente più opportuno usare toni pacati, linguaggi di accoglienza per sfruttare questi cittadini — che sul territorio ogni giorno si fanno domande, cercano di approfondire e, responsabilmente, vigilano — come patrimonio della vostra comunità.

Leggi tutto l’intervento qui.

Leonardo La Rocca, lunedì 27 marzo 2017 ore 20:54 

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...