L'intervista

Il comitato per il Borgo, i Bascapè, Francesco il farmacista, il podere a Pedriano: le nuove scoperte su Spernazzati

GENOVA–MELEGNANO — «L’incontro del 2 luglio è stato uno stimolo per andare avanti nelle mie ricerche, che purtroppo si devono limitare ai ritagli di tempo del mio lavoro. Ho voluto acquisire la conoscenza di alcuni testi storici su Melegnano: ho avuto il piacere di leggere finalmente il libro di Cesare Amelli, pietra miliare, in cui ho trovato conferma di cose che avevo intuito per conto mio. Come ad esempio la relazione tra i Bascapè e gli Spernazzati a fine Cinquecento, che il testo di Amelli comprova. Relazione esistente nel nucleo edificato composto da Contrada Lunga e dalle vie adiacenti. Il nucleo è stato oggetto di un passaggio di eredità tra le due famiglie. Tra i beni immobili che sarebbero passati agli Spernazzati potrebbe esserci l’edificio che adesso chiamiamo palazzo Spernazzati, ci potrebbero essere una certa Osteria Sant’Anna, che non esiste più, collocata in via Senna, e una bottega in piazza Risorgimento in pieno centro.

Giuseppe Giovanni Botteri, Bascapè 1842 – Albizzate? 1895. Farmacista, suocero di Luigi Ottorino Spernazzati, figlio di Francesco.

«Piazza Risorgimento fa il suo ritorno nella storia degli Spernazzati a metà Ottocento. Il mio quadrisnonno Antonio Spernazzati aveva la proprietà di un palazzo in piazza Risorgimento, sicuramente in prossimità dell’attuale via Bascapè, o facente parte dello stesso gruppo di case di palazzo Spernazzati. Il palazzo sarebbe stato colpito dal cannoneggiamento degli Austriaci in ritirata nel 1859 dopo la battaglia per la guerra d’indipendenza. Il proiettile avrebbe sfondato una finestra con danni alla costruzione. Il giorno dopo il figlio Francesco Spernazzati, giovane farmacista, aiutò molti dei feriti e delle famiglie di Melegnano. Ottenne la medaglia al valore civile, di cui sapevo già, da Napoleone III proprio per questo merito.

«Gli Spernazzati avevano un ruolo attivo nella vita civile della comunità. Il mio quadrisnonno Antonio faceva parte del comitato per la ricostruzione del Borgo di Melegnano, dopo i moti del 1848. Un impegno per la comunità che va avanti negli anni: il fratello di Antonio, Achille Spernazzati, fu membro della prima deputazione comunale dopo l’unità d’Italia. Andrea Spernazzati, altro fratello di Antonio, faceva parte della guardia nazionale, che ha operato a Melegnano, e fu capitano comandante.

1916, Wanda Giuseppina Spernazzati, Como 1897 – Rieti 1990. Prozia di F. E. Misso nipote di Francesco Spernazzati, farmacista a Melegnano che nel 1859 curò i feriti e le vittime.

«È il periodo fino al quale ho trovato informazioni chiare. Dopo, pare di capire che gli Spernazzati si siano spostati da Melegnano o almeno in parte. Prima di questo periodo c’è altro; un documento del 1661, che ho scoperto grazie a Italia Nostra, racconta il cambio di locazione di alcuni terreni a Pedriano, sempre molto vicino a Melegnano — all’epoca gli ordini religiosi davano in affitto ampi appezzamenti di terreni — e nelle descrizioni molto minuziose è aggiunto il nome di Giovanni Battista Spernazzati, con l’appellativo di Colombano. Probabilmente un cugino? un ramo collaterale? un periodo di residenza a San Colombano al Lambro?

«Sempre nel Seicento: la Contrada Lunga di via Castellini fu abitata da Rosa Grammatica, figura celebre a Melegnano. Una vita complicata: maltrattata dal marito, quando lui si ammalò si dedicò a curarlo con amore; vedova, si è occupata di opere di beneficienza nonostante non fosse ricca, tanto da morire in fama di santità. La leggenda si è impadronita di lei, si racconta che avesse visioni di angeli e la corte in cui abitava in Contrada Lunga si chiamava, fino a pochi decenni fa, Corte degli Angeli. Una storia che valorizza ancora di più quella parte di Melegnano.

Frontespizio di un libro del 1859 con firma di Francesco Spernazzati (nato nel 1827 a Melegnano) che si era da poco trasferito da Melegnano a Motta Visconti.

«Questi sono i documenti che ho consultato. 1) L’atto di locazione del terreno di Pedriano del 1661 viene dall’archivio Golgi-Redaelli, ex Luoghi Pii Elemosinieri. Un documento per me importante, dal quale spero di iniziare un nuovo capitolo delle mie ricerche sugli Spernazzati. 2) Il libro di Cesare Amelli, che ho comprato nel castello Mediceo. 3) Due testi sulle battaglie d’indipendenza a Melegnano tra il 1850 al 1861. 4) L’archivio digitale della regione Lombardia».

Marco Maccari, mercoledì 6 dicembre 2017 ore 6:30
mamacra@gmail.com

Annunci
Standard

2 thoughts on “Il comitato per il Borgo, i Bascapè, Francesco il farmacista, il podere a Pedriano: le nuove scoperte su Spernazzati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...