Satira o realtà?

La Trilogia degli Admin: come sopravvivere se ti iscrivi a un gruppo social locale

NEI SOCIAL MELEGNANESI, frequentando gruppi o pagine, ci si imbatte ormai sempre più spesso in personaggi incredibili, bizzarri, presuntuosi, irritanti, egocentrici e sapiosessuali. In una parola: gli #ADMIN.

Da dietro i loro monitor scandiscono la vita o la morte delle vostre idee, delle vostre opinioni e la vostra presenza sul gruppo o sulla pagina, che gestiscono in regime di #CORTEMARZIALE.

Hanno promulgato leggi e regolamenti che spesso per gli utenti sono incomprensibili e che loro stessi, bellamente infischiandosene, violano. Ma non provate a farlo notare o sarete spazzati via in un battibaleno, anzi in un #BAN.

Possiamo ben dire che gli #ADMIN dei gruppi social di Melegnao sono «PIÙ INSTABILI DI UN CESSATE IL FUOCO IN MEDIO ORIENTE»? Caino crede proprio di sì, e ve lo va a raccontare.

#ADMIN freebooter, già nominato Papa nel lontano 1563 — #unospettacolo

Una delle regole che spesso gli #ADMIN applicano e fanno rispettare con ferocia è che tu, #MISERRIMO utente, non puoi pubblicare più di un post al giorno e loro, pur dichiarando che sono pari a tutti gli iscritti (e quindi dovrebbero rispettare i regolamenti) pubblicano, pubblicano, pubblicano senza ritegno e senza regole.

Altra regola in cui gli #ADMIN mostrano la loro particolare intolleranza è la pubblicazione di post considerati spam o, come li chiamano ultimamente, abuso di spazio pubblico. Praticamente sono link ad altri gruppi o pagine; anche qui loro stessi linkano post a pagine istituzionali di musei, giornali. Insomma: della serie «io avrei creato il regolamento ma me ne sbatto».

Non avrai altro #ADMIN all’infuori di me. — Egli è l’eletto, la stirpe nacque da lui — #pornoattore

E poi ci sono gli #ADMIN che «dei regolamenti #MeNeFrego». Quelli che «mi sveglio al mattino e devo randellare qualcuno che sbraita come un cane»… e al grido di eia eia alalà, muovendosi al ritmo della #BALLATAMACABRA, falciano e bannano post ed utenti e poi, finito il loro compito, iniziano a copiare ed incollare ogni cosa come un RIFLESSO CONDIZIONATO. Putroppo, parafrasando Dante, «lasciate ogni speranza o voi che entrate» in quel gruppo e soprattutto, se riuscite a entrare, contro di loro nulla potrete voi #MISERRIMI utenti.

#ADMIN il colto e ammazza-pavidi. — Ivan Petrovič Pavlov, Dante e Sigfried Engel i suoi mentori — #GIL

E chi non beve con noi, che «Peste lo Colga».

#NoiSiamoCaino, lunedì 8 gennaio 2018 ore 12:04

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...