Antisocial Media, Comunità Virtuale & Comunità Tribale

Clüb Privé Almirantino: la garanzia di San Giuliano Milanese

L’ASSESSORE–ADMIN DI FRATELLI D’ITALIA, Daniele Almirantino Castelgrande, ha letto RADAR. «Apprendo, leggendo in rete, che qualcuno ha deciso di prendersela con il gruppo SAN GIULIANO ONLINE FREE, denigrandolo» inizia l’assessore.

Parla dell’inchiesta ninfetta I servizi segreti di San Giuliano. «Probabilmente il risentimento di non farne più parte – dal gruppo vengono escluse le persone che in diversi modi non rispettano questo luogo – ha suggerito uno scritto sciocco e inutile».

Il vero pubblico di SAN GIULIANO ONLINE FREE: giovanissimo, femminile, divertito degli errori grammaticali. Lo stesso pubblico di RADAR

«Persone escluse»? Fico. L’utenza infatti parla di un calo di 2000 iscritti da quando lui è assessore, da quando Segala è sindaco.

«Ho fondato questo gruppo come diretta conseguenza del mio impegno civile e politico tanti anni fa ormai. Tutti i sangiulianesi che mi conoscono possono testimoniare il dialogo che ho senza pregiudizi con tutti.

Oratoria estrema ed estrema destra. Scafatevi, Readers.

«La mia veemenza politica non intacca né i rapporti personali e sociali con amici e cittadini». San Giuliano la sua veemenza sembra conoscerla, meno male che non ha intaccato niente a nessuno. «Né viene usata per pilotare alcunché nel gruppo.
Il gruppo è aperto, ma rimane un salotto privato: proprio questo essere “casa mia” è la garanzia che riserverò il miglior spazio per ciascuno di voi. Non aggiungerò altro».

Fig. 112. Con questo gesto, l’oratore sta dicendo: «Va bene»

L’assessore & admin è univoco, categorico e assoluto: la sua persona è «garanzia» e al tempo stesso «diretta conseguenza» di «uno spazio migliore», casa sua è «il salotto» della San Giuliano online e non aggiungerà altro. Lo aggiunge l’admin Giorgio Sterrantino con una commovente arringa: «Democratici che vorrebbero insegnarvi la democrazia imponendo il loro pensiero. Pensano che tutti voi siate una manica di ignoranti indegni, che – ora che ne sono fuori, da questo buco di culo di gruppo come lo chiamano – meritate di rimanere qui dove una mano segreta decide cosa si possa dire e cosa no.
Queste persone non vi rispettano ma vi disprezzano perché non coniugate i verbi come loro, non conoscete i classici greci e – orrore – avete la sfrontatezza di volere dire la vostra, vorrebbero tapparvi la bocca perché non siete degni. Sì, per loro voi siete degli straccioni analfabeti.
Nudi su un’isola selvaggia, quanto sopravviverebbero e quanto avrebbero bisogno dell’aiuto di questa massa di umili sangiulianesi che ora disprezzano? Grazie Daniele per questa ospitalità.
Anche se non è un posto democratico, ma d’altronde nemmeno la velocità della luce si decide per alzata di mano».

Fig. 185. Con questo gesto l’oratore ha evocato il simbolo della corona e l’autorità superiore

Ora è confermato: il gruppo dell’assessore Castelgrande divide artificialmente gli utenti in due classi (democratici e antidemocratici) e li mette gli uni contro gli altri.

Due domande:

  1. Ma perché Segala e Castelgrande hanno bisogno di un gruppo antidemocratico, in un comune democratico?
  2. Serve un calo di altri 2000 iscritti?

Lo Staff, mercoledì 17 gennaio 2018 ore 11:37 
ilblogradar@gmail.com

 

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...