L'intervento

Prima gli italiani

PENSO AL MIO AMICO “AMUNÌ”. In siciliano significa due cose: “dai vattene, togliti dai piedi” o “andiamo, insieme”. Amunì, così lo chiamavo, mi mandava via con queste parole dalla sua bancarella, dove chiedevo il prezzo di tutto. Allora, i migranti, erano solo in Sicilia. Qualunque fosse la nazionalità erano “i marocchini”. 

Ricordo quando mio padre mi spiegò che nella sua bancarella, vendendo occhiali da sole farlocchi e orologi Casio buoni a segnare l’ora due volte al giorno, lui aveva la dignità del lavoro. E fu allora che il venditore del Viale della Vittoria di Agrigento diventò il mio amico “Amunì”. 

“Amunì come va oggi?” “Piove, non passa nessuno”. 

Poi scopri che Amunì è fuggito dalla guerra, ha due lauree: una in filosofia ed una in architettura. E che l’ultima volta che è tornato al suo paese “Amunì” si è pisciato sotto, in aeroporto, per paura che il suo passaporto fosse segnalato al regime. 

E a questo punto resisto, resisto per e con Amunì. 

Oggi non so che fine abbia fatto Amunì, ma lui per fortuna non è uno dei 117 annegati della settimana scorsa, non è neanche uno dei 170 della Diciotti di cui parlano «gli italiani».

MA CHI SONO QUESTI ITALIANI?

Gente senza cuore che gode della morte di altri esseri umani? Preferisco pensare che siano altra cosa. Che siano mia figlia, che si diverte nei campi con il mio cane ed un nuovo amico, un nuovo Amunì, con cui condividere la semplicità di una corsa con un cane e con lui condivide lo stupore del suo stupore di una cosa nuova, fuori dal “carcere” di un centro per migranti: aria aperta, luce, panorama e, gelidamente, libertà. Fuori dal “carcere”, lui chiede il giorno libero al lavoro per il sabato o per la domenica perché almeno in quei giorni può vivere il suo momento bello, con la sua famiglia.

Preferisco pensare che gli italiani, quelli che vengono prima, siano quelli che si organizzano per trovare una casa a dei ragazzi in asilo politico dove prendere la residenza per poi, finalmente, avere il loro contratto.

Per me questi sono gli italiani che vengono prima.

Perché sono quelli che del loro essere italiano, hanno colto l’essenza vera. Essere italiani è essere rispettosi della Costituzione italiana, che dell’accoglienza e del supporto a chi sta peggio ne fa una delle pietre miliari.
Io resisto! Come resistono gli italiani, gli europei, i cittadini del mondo. Gli esseri umani. Resisto perchè lui, ad Amunì, avrebbe fatto festa perchè amico, non come chi fa la differenza per il colore della pelle e semina terrore o scrive sui muri che i negri sono da ammazzare e non ha nemmeno il coraggio di farsi vedere mentre lo fa. Resisto perché il mio cane fa festa e scodinzola al nuovo amico venuto da lontano, lui che ha il cuore grande, lui, che a differenza di tanti, è umano.

Lui che ha dentro il meglio delle caratteristiche di un essere umano. 

Leonardo La Rocca
Venerdì 22 febbraio ore 10:02

Annunci
Standard