L'intervista

Ecco come sono scaturite le indagini su Prima Vera alias Zephyro Spa

Paola_Macchi-RADAR-22mar2015MELEGNANO/GALLARATE – Prima Vera Spa ha presentato nel 2015 il nuovo progetto di illuminazione pubblica di Melegnano. Ma a Gallarate è stata indagata per un appalto ospedaliero truccato. Paola Macchi, consigliera regionale 5Stelle, racconta come sono nate le indagini di Gallarate. «Sono nate da un dipendente dell’ospedale» spiega Macchi, «che si era accorto che qualcosa non andava bene nella quotazione dei macchinari la cui manutenzione era fatta da Prima Vera Spa. Il valore dei macchinari dichiarato da Prima Vera non era il valore corretto. Aveva segnalato la cosa verbalmente al suo superiore, ma era caduta nel nulla. Il dipendente aveva dei documenti e li ha portati a noi del Movimento 5 Stelle. Abbiamo inviato un esposto al giudice. Il nostro esposto ha dato seguito a un’ordinanza del giudice a procedere con le indagini, svolte dalla Guardia di Finanza. Sono state indagate sei persone».

Il valore dei macchinari era stato sopravvalutato da Prima Vera? «Sì. Insieme al fatto che la cooperativa Prima Vera era stata costituita pochissimo tempo prima. Si tratta di sanità pubblica: i soldi pubblici non devono essere spesi in modo inappropriato. Chiaramente un’azienda ha diritto di lavorare; se sono spesi però dei soldi pubblici, è giusto fare attenzione. Se usiamo i soldi per queste cose, poi non ci sono più soldi per altre cose importanti.
Abbiamo tantissime persone che hanno paura di denunciare; denunciare cose che sanno benissimo essere irregolari. Per cambiare il sistema alla radice bisogna che l’autorità pubblica sappia che si trova sotto il controllo dei suoi stessi dipendenti, che vedono tutto. E che devono poter denunciare in tutta serenità, senza il timore di ricevere ritorsioni dall’alto».

Sa che a Melegnano Prima Vera, oggi Zephyro Spa, ha manifestato interesse per l’illuminazione pubblica? «Ho letto che i tecnici di Prima Vera erano colpiti dal fatto che l’appalto fosse stato fermato. Non vedo dove sia il problema nel fatto di verificare e approfondire bene. Bisogna che, quando si dà un appalto, si veda bene quali sono i termini e i valori: quante persone hanno partecipato al bando di gara, com’è avvenuto, se il ribasso del bando di gara è un ribasso ragionevole. Perché questo è un altro grosso problema. Se io faccio un bando di gara che vale 1 milione di euro, tu non puoi prendere il bando e fare un ribasso fino a 600mila o 500mila euro, perché i casi sono due: o chi aveva fatto il bando non sapeva fare il suo mestiere (un tecnico deve saper valutare qual è il costo di un determinato servizio) oppure come capita frequentemente viene fatto il ribasso, per poi aumentare successivamente; quindi il ribasso è fatto solo per aggiudicarsi il bando».

Marco Maccari, martedì 22 marzo 2016 ore 14:33

mamacra@gmail.com
tweet @mamacra

Annunci
Standard
Cronaca

Ci stanno pure le puttane

PAVIA/MILANO/MELEGNANO – Alberto Brera è un imprenditore che ha deciso di parlare. Non ne poteva più. Ne voleva uscire fuori. Pagavo tangenti, ha detto. È andato in Procura, si è denunciato, ha deposto. Nel giro di corruzione e appalti truccati che dichiara di denunciare c’era l’ingegnere Bianchi, oggi in arresto.

Alberto Brera ha dichiarato: Bianchi «prendeva il 4% o il 5%». Bianchi «vedeva prostitute all’Hotel Moderno di Pavia, gliele pagavo circa una volta al mese».

Era giugno 2014, era appena iniziata l’estate.

Leggete un’intervista di Maria Fiore, se vi fidate solo della cronaca locale. O leggete un articolo di Ersilio Mattioni che vi farà venire strane idee. Oppure seguite i prossimi articoli RADAR, se il vostro cuore chiede serietà.

Lo Staff, 22 ottobre 2015 ore 1:24

radarmelegnano@gmail.com

Standard
L'inchiesta

Il «sistema illecito» di Melegnano

Dall’ordinanza del giudice per le indagini preliminari. Il «sistema illecito» di Melegnano: intercettazioni, testi, indagini della Procura, tutto sulla «turbativa di appalti» nell’Azienda Ospedaliera: la prima parte del servizio pubblicato un anno fa su Il Melegnanese.

Il Professore. «È vero che ci poteva essere corruzione. Ma non puoi trasformare, per un po’ di corruzione… distruggere tutto. Questo è il punto del problema. Cioè: la legalità è… non è un valore, è una condizione. Quindi se tu la tratti come l’unico valore che un Paese ha, scassi tutto. Eh. Cioè… l’illegalità. L’illegalità c’è in tutto il mondo, bisogna trattarla con con con normalità… non farla diventare una… ogni volta una crociata su qualsiasi cosa, eh. Così distruggono tutte le nostre aziende all’estero. Per… ma è mica possibile… mica…». Parla Gianstefano Frigerio, principale indagato nell’inchiesta sugli appalti di Expo e della sanità lombarda. La dichiarazione è avvenuta nel suo ufficio il 12 aprile 2013. È leggibile tra le intercettazioni contenute nell’ordinanza del 6 maggio scorso, firmata dal giudice per le indagini preliminari Fabio Antezza, Tribunale di Milano. Riprodurre la dichiarazione di Frigerio è di rilievo pubblico evidente: esprime una mentalità opposta a quel concetto di legalità attorno al quale in questi anni la società civile melegnanese si sta dando da fare per il bene comune, in modi sempre nuovi. Ma quella mentalità operava a Melegnano dall’interno. Gianstefano Frigerio (parlamentare classe 1939, tessera DC, poi forzista) o, come viene chiamato dagli intercettati, il Professore, oggi è agli arresti e in custodia cautelare. È indagato come «capo, promotore e organizzatore» di un’«associazione criminosa» operativa a Milano presso la Onlus Centro Culturale Tommaso Moro, via Andrea Doria. È accusato di associazione a delinquere per aver «favorito e assicurato le deliberazioni di proroga e l’aggiudicazione di appalti pubblici presso l’Azienda Ospedaliera di Melegnano, attraverso contatti reiterati, sfociati in doni, collusioni e condizionamenti». È al centro di 2770 telefonate intercettate tra gennaio 2012 e luglio 2013, svolte con «contatti riferiti alle aziende ospedaliere di Melegnano, Pavia, Varese, Chiari, Vimercate, Lecco». E la sua creatura a Melegnano è, nelle parole del giudice, un «sistema illecito», emerso all’interno di un «numero rilevante di contatti con pubblici ufficiali del settore sanitario e imprenditori, finalizzati a controllare il sistema degli appalti pubblici».

La «compagine» di Melegnano… Il giudice la chiama «compagine», utilizzando un’espressione degli stessi indagati. Si tratta di un gruppo di dirigenti ospedalieri e di imprenditori del ramo pulizie. Tutti diretti dal Professore. Il gruppo è individuato nelle persone di: 1. Patrizia Pedrotti, cerrese, direttrice amministrativa dell’Azienda Ospedaliera di Melegnano dal 1 gennaio 2012, in carica (il suo curriculum è online sul sito http://www.aomelegnano.it); 2. Paolo Moroni, di Torrazza Coste, direttore generale dell’Azienda dal 1 gennaio 2012, in carica (curriculum sul medesimo sito); 3. Enzo Costa, milanese, imprenditore attivo nel ramo pulizie per la società Ferco Srl; 4. Bruno Greco, milanese, imprenditore nel settore pulizie per la società cooperativa Co.Lo.Coop.

…e i capi di incolpazione. Nessuno dei quattro è agli arresti. Per il giudice «non ne sussiste l’esigenza». Ma sono diversi i capi di incolpazione ipotizzati nei confronti loro e del Professore. La «Compagine» è accusata di avere «favorito in modo illecito e tutelato in via preferenziale gli interessi di Enzo Costa e di Bruno Greco» nell’assegnazione degli appalti per le pulizie. Nello specifico: «turbativa del procedimento amministrativo al fine di condizionare le modalità di scelta del contraente; disponendo, in luogo di bandire una nuova gara d’appalto, la proroga di 36 mesi per 14.624.002,77 euro». Il primo capo di incolpazione riguarda Frigerio e gli imprenditori Costa e Greco, comprende reato continuato (art. 81 del Codice Penale), concorso in reato (art. 110), corruzione (art. 321), corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio (art. 319) con aggravante (art. 319 bis). Il giudice dichiara che al momento non ci sono indizi gravi a sostegno di queste accuse, ma ne ipotizza la sussistenza. Il secondo capo di imputazione riguarda anche i due dirigenti Pedrotti e Moroni. Comprende reato continuato e concorso in reato (artt. 81 e 110), turbativa di pubblico incanto o appalto (art. 353). Su questo capo invece ci sono «gravi indizi di colpevolezza».

Chi comanda a Melegnano. Per gli inquirenti, la direttrice Pedrotti in cambio «ricava l’utilità di coperture politiche, appoggi per il trasferimento e avanzamenti di carriera». Il Professore dichiara addirittura il 3 aprile 2013, insediata la nuova giunta regionale, che «per aiutare la Pedrotti» andrà da alti papaveri del Popolo della Libertà, oggi Forza Italia, in Regione e fa nomi e cognomi indicando Mario Mantovani, «uno dei suoi vecchi». Un’intercettazione aiuta a capire il radicamento del sistema. «La prima volta, la prima cosa che mi ha detto quando mi son seduta a Melegnano, mi hanno detto: fai sempre quello che ti dice l’onorevole Frigerio. Me lo ricordo benissimo perché era la fine di gennaio di quell’anno… Sono passati quattro o cinque anni ormai… e quello che mi ha detto è: tu fai sempre quello che ti dice l’onorevole Frigerio, che non lo conosci ancora». Intercettazione di Daniela Troiano nell’ufficio di Frigerio, 1 ottobre 2012, ore 16.24. Troiano, indagata a sua volta, è l’attuale direttrice generale dell’Azienda Ospedaliera di Pavia, ma è stata direttrice amministrativa dell’Azienda Ospedaliera di Melegnano dal 1 febbraio 2008 al 31 dicembre 2010, predecessore di Pedrotti. Il «sistema illecito» di Melegnano risalirebbe a molto prima dell’attuale dirigenza ospedaliera (continua). 

Marco Maccari

Ripubblicato su RADAR mercoledì 21 ottobre 2015, ore 13:32

radarmelegnano@gmail.com
mamacra@gmail.com

Standard