CULTO DELLA CITTÀ

Ufficio tecnico, risorse umane, modello organizzativo a Melegnano: è ora di cambiare?

Con la determina numero 552 del 21 agosto 2018 l’amministrazione comunale ha dato incarico — pari a 2537,60 euro di soldi dei cittadini — all’ingegnere Gianfranco Patta di Torino per una perizia statica sugli edifici del PR Corte Castellini (forse meglio conosciuto come Palazzo Spernazzati). La cosa potrebbe sembrare positiva, se non che:

1) il tecnico ha redatto una precedente perizia imbarazzante (AMBITO DI TRASFORMAZIONE “CORTE CASTELLINI”, Delibera di Giunta Comunale numero 56 del 5 aprile 2017, STATO DI CONSERVAZIONE DI STRUTTURE E MATERIALI, 24.05.17) nella quale dopo sommaria o nulla analisi (2,5 pagine di testo su 25) conclude: «Dalle risultanze del sopralluogo e delle ispezioni effettuate in sito è risultato che il complesso edilizio denominato Corte Castellini, si trova in grave stato di fatiscenza tale da fare escludere qualsiasi ipotesi di recupero e restauro dei materiali e delle strutture». Che senso ha allora spendere ulteriori soldi dei contribuenti — 2500 euro, v. sopra — per farsi confermare quanto già affermato?

2) Il difetto però sta nel manico: se al tecnico non si da indicazione degli obiettivi dell’amministrazione comunale, quale attesa si può avere del risultato? È manifesto l’interesse della proprietà a demolire e quindi darà incarico a un tecnico di dimostrare che non esiste altra via se non la demolizione; ma l’amministrazione comunale dovrebbe avere l’interesse a conservare un pezzo di storia di Melegnano, almeno così si era espresso l’attuale sindaco Rodolfo Bertoli, con altri membri della Maggioranza.
Vi sono anche dei precisi vincoli normativi stabiliti nei documenti di pianificazione comunale cui nessuno potrebbe derogare impunemente. Mi aspetterei che venisse dato un incarico per verificare se esiste o meno uno spazio per la conservazione, arrendendomi solo dopo dimostrata impossibilità di conservare. 

Area tecnica comunale: 40 anni di «gestione omertosa e appiccicosa»

3) A questo punto sarebbe ora che i cittadini si rendessero conto della qualità non eccelsa delle risorse umane allocate nell’area tecnica comunale; non è invero una situazione nuova, perché è da 40 anni che abbiamo una gestione omertosa e appiccicosa; è vero, è uno strato non a diretto contatto con il cittadino, ma sarà opportuno che questi se ne faccia carico perché se un qualche “rinascimento” deve avvenire, non è su questo modello culturale e organizzativo che si può contare. Anche l’amministrazione dovrà aprire gli occhi; non voglio essere ingeneroso perché riconosco che qualche piccolo passo è stato fatto, esattamente due:
A) con il riassetto della direzione dell’area tecnica,
B) con il recente avvicendamento del capo-area.
Spero che il nuovo dirigente sappia rappresentare una discontinuità con il passato e riceva il dovuto appoggio dall’amministrazione comunale. Non sarebbe male far sentire anche la vigilanza e l’attenzione dei cittadini su un settore strategico per la città.

Costruttori-distruttori melegnanesi

4) Un ultimo aspetto che mi sembra incompreso e/o sottovalutato nella discussione corrente sull’argomento: ammesso che non esista altra possibilità se non la demolizione, quale atteggiamento assumiamo nei confronti di chi ha perseguito il degrado o almeno non l’ha contrastato? La nuova proprietà, quando acquisì l’immobile, o comunque dal 2012, sapeva del vincolo del mantenimento, come mi sembra reciti il Piano di Governo del Territorio del 2012 ed anche la versione edulcorata del 2016; se oggi l’edificio cade è lecito chiedersi cosa abbia fatto la proprietà per rispettare il dettato del PGT? Se non ha fatto nulla per scongiurare il crollo, dobbiamo premiarla? Lasciandole perpetrare il suo triste obiettivo?

Il coraggio di fare le cose di fronte alla cittadinanza

Al lettore paziente non sfuggirà che ho mescolato due aspetti diversi: quello formale/metodologico (informazione e trasparenza) con quello di merito (valutazione di un progetto edilizio); è chiaro che i due piani in realtà sono diversi e separati, ognuno può tranquillamente avere l’opinione che crede su ciascuno dei due aspetti. Quello che mi preme sottolineare è che il cambio di paradigma si ha sul primo aspetto, quello formale/metodologico:
a) in un clima opaco ognuno può prendere le decisioni che crede senza esporsi;
b) in un clima trasparente e informato ognuno prende decisioni di fronte a tutti; può legittimamente adottare soluzioni diverse da quelle ipotizzate purché abbia il coraggio di argomentarle e di esporle all’opinione pubblica.

Il problema diventa: siamo in presenza di politici e di amministratori comunali abbastanza coraggiosi da realizzare quel cambiamento che hanno promesso?

Giuliano Curti, cittadino melegnanese 
Giovedì 13 settembre ore 9:00

Annunci
Standard
L'inchiesta ninfetta

I distruttori–costruttori di Melegnano

VIA BASCAPÈ/CASTELLINI — Prendere il suolo e cementificarlo? È una tendenza italiana che, dagli anni ’90, è cresciuta del 500%. In Italia, secondo il Fondo Ambiente Italiano, colano 3 metri quadri di cemento al secondo; non c’è crisi del mattone né fuga dall’immobiliare che possa domare la corsa al suolo. È la legge a emettere vincoli: il suolo, «risorsa non rinnovabile», non va consumato. Va rigenerato. Si costruisce sul costruito, in pratica; l’edilizia deve sfogarsi sulle aree già urbanizzate ma cadute in disuso e degradate. Sono i brownfields — dall’inglese: campi neri — aree ex–industriali con sospetta presenza di inquinanti e contaminanti. Regione Lombardia ha pubblicato due leggi, LR31/14 e LR16/17, in questa direzione.

Nagasaki (MI) dopo la follia di un Costruttore.

E i costruttori che fanno, se non possono consumare? La variante è intuitiva: radere al suolo e cementificare uguale. L’eldorado è il settore dei piani di recupero, cioè degli interventi di ricostruzione su aree urbane occupate da edifici trascurati o fatiscenti. A Melegnano, il cancro delle demolizioni/ricostruzioni di edifici storici abbandonati — tramutati senza grazia in palazzine dall’immutabile look anni ’50 — ha impregnato il tessuto urbano, fino a disperdere il volto dell’insediamento originario ricchissimo di preziosi esemplari. Per le associazioni di tutela del patrimonio storico, come Italia Nostra, la demolizione e ricostruzione dell’edificio settecentesco all’incrocio delle vie Veneto e Marconi è l’ultima testimonianza.

THE SPERNAZZATI EXPERIENCE. Il 2 luglio scorso Melegnano ha ospitato l’evento Spernazzati, il recupero della memoria. Dedicato all’edificio di valore storico che sorge lungo via Castellini, di fianco alla Corte Turin, ha fatto conoscere i discendenti della famiglia Spernazzati, tra i quali Francesco Edoardo Misso, nipote dell’ultima Spernazzati residente nel borgo sul Lambro. Palazzo Spernazzati è sottoposto al piano di recupero n. 86 che prevede l’abbattimento integrale e la costruzione, sul suo suolo, di un cortile acciottolato con tre piani abitabili di 1233,13 metri quadri residenziali, da circondare di vetrine per un totale di 324,20 metri quadri commerciali. Prendere un’antica residenza aristocratica, farne un salotto per la piccola borghesia: «È peggio dell’ISIS» commentano gli archeologi locali, costretti ad assistere allo sventramento di centri storici, di borghi, di edifici rurali ricchi di una tradizione architettonica irripetibile.
Peggio dei talebani, solo certi sindaci. Mai possibile asportare mezzo mattone senza il consenso delle amministrazioni comunali: infatti il piano di recupero di Spernazzati, avviato nel 2011, ha avuto pieno appoggio dall’ex sindaco forzista Bellomo, figlio dell’omonimo Michele, ex sindaco craxiano eletto negli anni ’80; con il quale sono iniziate le fortune degli operatori edili che hanno regalato al centro storico di Melegnano il suo aspetto mozzafiato. Il figlio non è stato da meno: ha inaugurato nel 2012 un Piano di Governo del Territorio a consumo di suolo definitivo.
Pieno appoggio politico e pieno silenzio sui giornali. Non un solo intervento di informazione locale ha parlato di palazzo Spernazzati negli ultimi 5 anni; il piano di recupero stesso si riferisce all’edificio con il nome di Corte Castellini: «Il complesso edilizio è di epoca ottocentesca» proclama una perizia statica del 2013. I documenti storici affermano che palazzo Spernazzati risale invece al Gotico. La perizia enfatizza le pessime condizioni del complesso, ne raccomanda l’abbattimento: «Assurdo — osservano i membri del gruppo promotore per il restauro di Spernazzati, — esaltare le condizioni di degrado significa esaltare la negligenza del privato proprietario che, in anni e anni, non è mai intervenuto per recuperare l’edificio». La convenzione per attuare il piano di recupero è pronta dal 16 marzo 2017: il proprietario — la società a responsabilità limitata Progetto Cinque, rappresentante Carlo Locatelli, sede in via Roma — si impegnava a versare al comune quattro rate di importo di monetizzazione per attrezzature e servizi pubblici del valore di 45mila euro l’anno, per la durata di quattro anni, 2017–2020. Sono 181.773,04 euro: eroina per le casse pubbliche. Più 54.424,58 euro di oneri di urbanizzazione primaria. Più 80.336,52 euro di oneri di urbanizzazione secondaria.
E, per tappare la fame di parcheggi — a lungo richiesti dai negozianti melegnanesi — un bel parcheggio interrato in tutta l’area. Senza alcuna indagine sotterranea ad accertare la presenza di cantine a volta, tipiche delle costruzioni tardo–medievali.

PRIMA CHE MELEGNANO FOSSE DISTRUTTA. Fortuna che c’è un libro a smentire i mattonari. Chiunque si interessi di storia locale lo conosce. È il testo Cenni Storici dell’Antico e Moderno Insigne Borgo di Melegnano, scritto da Giacinto Coldani e conosciuto nella riedizione curata da Francesco Saresani. Se la perizia protocollata da un comune della repubblica può permettersi di definire palazzo Spernazzati come una costruzione ottocentesca a corte lombarda, è perché non ha mai ficcato un dito nei documenti:
«Il tuo sguardo potrà spaziare sulla contrada del castello, detta dal popolo Contrada Lunga [oggi il rettilineo di via Castellini]. Qui vedrai, all’altezza della prima via a destra, un abitato molto grande e antico, di proprietà degli eredi di Carlo Spernazzati; chiamato La Caserma, per il fatto di avere dato alloggio, in altre occasioni, ai soldati di guarnigione in questo borgo. Il gotico delle sue finestre e l’insieme della sua struttura coincidono molto bene con lo stile architettonico dell’antico palazzo Brusati nella Contrada dei Pellegrini [oggi via Mazzini, davanti alle Poste] e del palazzo della Comunità [il Broletto, oggi sede del municipio]. Stile che contrassegna questi tre palazzi come i resti dell’antica Melegnano, così com’essa era prima che fosse distrutta da Federico II di Germania». Se palazzo Spernazzati non lo distrusse il sacro romano imperatore Federico II — proprio Federico II di Svevia, venerato sovrano di Sicilia, promotore di costituzioni, coniatore di monete (sopra, in foto) e artefice della pace in Medio Oriente — c’è motivo che lo distruggano piccoli imprenditori lombardi, amici di ex–sindaci craxotti? La descrizione turistica tra virgolette è tratta dal prezioso libro, scritto nel 1749, ripubblicato nel 1880; la trama è semplice, un Precettore insegna al fanciullo Antonio l’amore per le bellezze del suo borgo; il testo, adattato all’italiano corrente, può essere letto a qualsiasi minore di età scolare. Niente male se il primo bambino che passa per via Castellini potesse smontare la testa di questa o quell’amministrazione comunale, di questo o quel mattonaro, no?

OGGI. Palazzo Spernazzati vivrà. Con esso vive il tesoro di identità che custodisce. La nuova rete arancione di sicurezza che lo protegge in via Castellini doveva essere l’ultimo atto pubblico in preparazione alla sua distruzione–ricostruzione; atto compiuto a pochi giorni dalle votazioni dell’11 giugno, unito a una delibera, la n. 92 del 6 giugno, con cui l’ex-craxotto approvava il piano di recupero. Sarà invece un atto di cura e protezione. La nuova giunta di centrosinistra, eletta il 25 giugno e guidata dall’architetto Rodolfo Bertoli — promotore di un progetto politico di rinascita, portatore di una sensibilità dimostrata all’interno del gruppo per la tutela di palazzo Spernazzati — non vuole che l’edificio originario vada perduto e dichiara di volerlo tutelare. E dovrà farlo in fretta, se vuole sopravvivere all’ISIS di Melegnano.

Lo Staff, giovedì 24 agosto 2017 ore 06:30
ilblogradar@gmail.com

Standard
Il caso

Palazzo Spernazzati: la lettera della Soprintendenza, il restauro conservativo, la malta cementizia, le contropareti che nascondono tesori 

MELEGNANO — Il 26 maggio la Soprintendenza ha raccomandato di effettuare dei rilevamenti completamente nuovi su palazzo Spernazzati e più rispettosi delle sue origini storiche. Raccomandazione: valutare il restauro conservativo. Il parere della Soprintendenza è uno schiaffo alle affrettate negligenze che il privato proprietario ha commesso in questi anni, con il silenzio dei pubblici poteri e in particolare dell’ultima Giunta che dichiarò al quotidiano Il Cittadino: «La Soprintendenza ha dato parere favorevole all’abbattimento». Non era vero. Leggete.

Oggetto: Melegnano (MI) – Palazzo Spernazzati, via Castellini angolo via Bascapè. Piano di Recupero “Corte Castellini”. Parere specificazioni.

«Essendoci giunte segnalazioni relative all’approvazione del piano di recupero della Corte Castellini, in merito al quale il Comune ha chiesto parere alla Soprintendenza, richiamate le relative note (le nostre protocollate nn. 5964 e 5950 del 2014 e n. 1235 del 10/2/2017) e viste le Osservazioni pervenute — secondo le quali potrebbe individuarsi un nucleo centrale del complesso a corte, delimitato dalla facciata su corte parallela alla via Bascapè e dal muro di spina della corrispondente ala, forse palazzo Spernazzati citato in testi storici con possibili analogie con palazzo Brusati, — vista una documentazione fotografica relativa alla citata facciata, che illustra alcuni dettagli di archi di finestre ed aperture allo stato attuale non visibili, in quanto situate in zone coperte da uno strato di malta probabilmente cementizia, questa Soprintendenza raccomanda che siano diligentemente effettuati i saggi stratigrafici già richiesti nella citata nota del 10/2/2017 al fine di chiarire la consistenza e l’articolazione della facciata e l’opportunità di improntare l’intervento (per quanto riguarda il nucleo sopra indicato) secondo le modalità operative proprie del restauro e del risanamento conservativo.
Inoltre, vista l’ipotesi dell’esistenza di un nucleo centrale più antico, si ritiene utile che sia indagata la effettiva consistenza architettonica provvedendo a togliere eventuali contropareti che possano celare elementi di interesse.

Si specifica che i risultati dei saggi stratigrafici e delle altre opportune indagini dovranno essere esaustivamente documentati e sottoposti all’attenzione dell’Ufficio della Soprintendenza».

Lo Staff, mercoledì 21 giugno 2017 ore 6:00 
ilblogradar@gmail.com

Standard