Il Predictor

Il futuro fa paura? Ecco cosa succederà nel 2018

Sarà sempre più difficile distinguere tra notizie reali e finzione

LE ULTIME ELEZIONI STATUNITENSI hanno mostrato che il mondo dell’informazione su internet è diventato un luogo molto, molto strano. Adolescenti macedoni che controllano siti truffa, aziende di dubbia origine che producono notizie acchiappa-clic, agenti segreti russi, bufale, una stampa eccessivamente di parte, il lato oscuro degli algoritmi: tutti elementi che hanno contribuito a creare un mondo in cui è difficile capire se quello che leggiamo nel feed di Facebook corrisponde o meno alla realtà.

Le nuove tecniche d’intelligenza artificiale lasciano presagire una realtà ancor più folle. Le reti neurali, una particolare forma di apprendimento automatico, possono generare nuovi suoni a partire dagli archivi audio, permettendo di mettere delle parole in bocca ai personaggi pubblici. Possono anche generare sequenze video.
È questo il futuro. Chi vorrà davvero sapere cosa sta succedendo dovrà affidarsi a dei gatekeeper — esperti di un certo settore che hanno il compito di filtrare le informazioni — che si tratti di giornalisti, analisti, ricercatori o persone che lavorano in altri settori dell’informazione. «Chi controlla i mezzi di informazione può agire sulla mentalità della massa, condizionandola e distraendola dalla realtà tramite notizie di minor importanza», dal film Quarto Potere.

Facebook si allontanerà dal mondo delle notizie

IN PASSATO Facebook è entrato nel settore delle notizie. Ha cominciato a corteggiare le aziende dell’informazione e ha indirizzato nella loro direzione enormi quantità di traffico. Oggi ci sono diversi segnali del fatto che Facebook intenda rinunciare a questa strategia, dando più risalto ai post condivisi dalle persone e non dalle aziende.

chartoftheday_7305_public_opinion_on_fake_news_n

Secondo un’indagine condotta dal Pew Research Center all’inizio di dicembre 2017, il 64% degli americani pensa che le notizie false stiano causando una grande confusione sui fatti di base degli eventi attuali.

In un test effettuato su sei Paesi, Facebook ha addirittura separato i contenuti delle notizie dal feed degli Amici. Ha smesso di sostenere i video delle aziende dell’informazione. E il traffico proveniente da Facebook è ormai in calo per la maggior parte degli editori. Adesso la questione è se questi ultimi potranno continuare a sostenersi con i loro lettori man mano che Facebook si ritirerà dalla partita.

Veicoli autonomi diventeranno – con discrezione – una realtà

I VEICOLI AUTONOMI hanno un ruolo chiave in questa febbre tecnologica. Da circa dieci anni le persone ne sentono parlare, anche se nessuno può ancora comprarli.

1_-5w_sUcvo8VZ4zUCxubJ9Q

D’altra parte la tecnologia ha fatto enormi passi avanti e Waymo ha cominciando a offrire corse autonome su veicoli sprovvisti di autisti in carne ossa a Chandler, in Arizona, una città importante per i veicoli senza guidatore.

I produttori di auto tradizionali non cercheranno di vendere veicoli autonomi prima del 2020, ma offriranno funzionalità semiautonome. Questi cambiamenti meno eclatanti nell’esperienza di guida saranno accompagnati dagli sforzi di Waymo di rendere le auto che si guidano da sole più comuni. Forse nel prossimo anno ne sentirete parlare, ma si avvicinerà il momento del loro lancio definitivo, almeno in alcune città. Milano farà da apripista per l’italia?

Nascono movimenti sindacali legati alla gig economy

LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE considera la gig economy, argomento che approfondiremo in un prossimo articolo — basti dire che è il modello economico basato su prestazioni lavorative temporanee — come un disastro per i lavoratori. Le persone che lavorano all’altro capo delle app che usiamo comunemente, spesso non sono in contatto tra loro e non si considerano un’unica classe di lavoratori. Ma lo scorso anno, nel corso della conferenza Cash, ho parlato con l’ex capo del Service Employees International Union (il sindacato internazionale dipendenti del settore servizi) Andy Stern, della possibilità, per i lavoratori della gig economy, di organizzarsi. Ne sono venuti fuori alcuni elementi interessanti.

Il primo è l’alto numero di lavoratori che potrebbero organizzarsi tramite alcune di queste app, anche solo in una città: un elemento molto allettante per le organizzazioni del lavoro. Invece di riunire 100 persone in un gruppo e organizzare un sindacato, ci potrebbero essere decine di migliaia di nuovi iscritti all’organizzazione. Il secondo è che alcune aziende della gig economy stanno guadagnando molto e questo dovrebbe rappresentare un elemento di attrazione, poiché i sindacati potrebbero reclamare una fetta di questa torta. Esistono alcuni movimenti interessanti che stanno cercando di organizzarsi, come per esempio gli autisti di Uber a Seattle e New York, che potrebbero rappresentare un segnale per il futuro.

Cosa tenere sott’occhio

QUESTI NON SARANNO gli unici temi del nuovo anno. Aspettatevi di sentire parlare molto anche di questi fenomeni: criptovalute come Bitcoin, realtà aumentata, produzione autonoma di chip da parte di molte aziende, frammentazione dell’internet globale, la morte della cosiddetta neutralità della rete, la questione della cyber-sicurezza e la tecnologia applicata alla marijuana. Nel 2018 terremo d’occhio anche questi fenomeni.

Giovedì 1 marzo 2018, ore 9:00
info@maxbas.it

Annunci
Standard