L'inchiesta

1935, SARONIO NO LIMIT

DAL 1926 AL 1935 L’INDUSTRIA CHIMICA DOTTOR SARONIO conosce un intenso sviluppo. Arriverà a occupare tra Riozzo e Melegnano circa 2500 persone.

È il 1935, il dottor Saronio è nominato consigliere del Governo Italiano per la chimica organica. Vengono emanate delle norme restrittive per quel che riguarda le costruzioni edilizie, tuttavia all’Industria Chimica vengono concesse tutte le autorizzazioni richieste secondo quanto stabilito da un decreto prefettizio, che prevede eccezioni per i casi di interesse pubblico. È quindi l’amministrazione comunale di Melegnano a facilitare l’espansione della fabbrica oltre i limiti delle concessioni edilizie autorizzate.

Saronio e i collaboratori sanno che lo stabilimento è nocivo. Introducono un medico permanente per il personale. Cinque mucche di razza olandese, ospitate in fabbrica, fanno bere il loro latte ai dipendenti: la speranza è disintossicarli.
Non funzionò.

Leggi qui.

Un articolo di Elisa Barchetta
5 dicembre, ore 14:00
Reblog dal settimanale 7giorni

_
Immagine in evidenza: M.A. De Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali, 1906-1947. Vedi su vogliadiarte.com

Annunci
Standard
Cronaca

Pedriano-Locate, strada o discarica? Pulizie previste da domani mattina

PARCO AGRICOLO, STRADA PEDRIANO-LOCATE – Lascia la rotonda tra la Binasca e la Santangiolina, prendi per Pedriano. Andrai avanti fino al borgo abbandonato di Mezzano; saluterai qualche curva e ti troverai in un rettilineo stretto, malamente asfaltato, che ti costringe a scendere con due ruote sul ciglio della strada ogni volta che incontri un’automobile in senso contrario.

È la strada agricola che corre tra Pedriano, frazione di San Giuliano Milanese, e porta sulla strada per Locate Triulzi, non lontano da Viboldone. Lungo la carreggiata, dal cavalcavia ferroviario fino all’ultimo miglio, si ammassano rifiuti: materiali edilizi, scarti di cantiere, plastiche, vetro, bottiglie, televisori, grossi elettrodomestici sfasciati, indumenti abbandonati, mobilio, copertoni ammucchiati con una frequenza quasi rigorosa, che ne fa una discarica illegale.

Chi pratica il tragitto ogni giorno fino a Milano ha potuto notare un incessante aumento dello scarico abusivo di scarti edilizi e di rifiuti. La strada è compresa nel parco Agricolo Sud Milano ed è di competenza del comune di San Giuliano Milanese.

Un cittadino ha bussato in comune. Racconta le sue scoperte. L’Ufficio Tutela Ambientale di San Giuliano lo ha accolto rispondendo che le pulizie inizieranno domani mattina, sabato 28 gennaio.

«Il problema, stando alle dichiarazioni dell’Ufficio, riguarda il mancato intervento delle forze dell’ordine durante i controlli su strada» riferisce il cittadino. «Una volta bloccati i furgoncini carichi di materiale di scarto e verificato che il furgoncino non ha licenza per il trasporto di rifiuti, le forze dell’ordine dovrebbero intervenire per sequestrare il mezzo. Ma così non avviene».

L’Ufficio ha in programma di proporre al sindaco di San Giuliano Milanese, Marco Segala, una riunione con i sindaci di zona, compresa Melegnano. «Il problema non è isolato a questa strada soltanto» conclude infatti il cittadino, «è esteso ai territori di tutti i comuni limitrofi». E invade i campi; vedi le ultime foto.

Seguono immagini della strada, in ordine di marcia. Clicca per ingrandire e scorrere a dimensione reale:

Marco Maccari, venerdì 27 gennaio 2017 ore 11:31

mamacra@gmail.com

Standard