Satira

Il bisnes dell’ex sindaco

Vito Bellomo non fa più il sindaco, ha smesso di monetizzare sulle nostre buche.

_

No, Vito Bellomo non ha perso, Vito Bellomo si è perso.

_

IMG-20180513-WA0018

Il nuovo business di Bellomo. Gli piace stupire.

_

Bellomo ex sindaco tenta la rimonta: riparare con le cacche dei cani le buche di Melegnano.

_

I cantieri stanno aperti apposta per Vito Bellomo.

_

La maggiore invidia dell’ex sindaco Bellomo è pensare che Massimiliano Pala adesso va a cercare un certo Ambrogio Corti e non lui.

_

È nelle sere come questa che Bellomo rivanga certi messaggi inviperiti. «Che ricordi, quando mi twittavi contro. Ma era solo il mio corpo elettorale che volevi. Eri solo chiacchiere e tesserino da pubblicista».

_

Rimborsi chilometrici! Questo di tanta speme oggi mi resta.

_

Pentirsi amaramente di un selfie con Matteo Renzi.

_

#sindacodimagenta

Annunci
Standard
I lettori scrivono

«Ma come riesci a scovare certe storie, RADAR?»

«Che bella storia che hai raccontato… dimostrazione del fatto che, anche in tempi di guerra, si è tutti umani.
Ma come sei riuscito a scovare questa storia?» chiede Sofia, melegnanese.

È semplice, Sofia. Qui viviamo di vita nostra. Qui sappiamo scrivere. Guarda nei gruppi social delle nostre parti: noia. Piattezza. Nessun coraggio. Vale per quasi tutti gli aggregatori di notizie dove, al massimo, ripostano ciò che va per la maggiore.
«Il giornalista crea la notizia» è il messaggio dei giornali locali realmente impegnati con i cittadini. Questa è la prima risposta che ti darei. Le altre te le confido personalmente; perché, come sai, Melegnano ruba, sistematicamente, dal momento che nessuno ha, ma tutti lo prendono da chi se lo procura; e Melegnano copia, sistematicamente, dal momento che nessuno sa fare, e tutti copiano chi lo fa. Nel gruppo la Voce di Melegnano hanno visto che a RADAR sappiamo farlo, e ci copiano. Senza mai raggiungerci, eh.

ESAVRITA LA GIÀ FASCISTA VERVE

«Quella specie di blog cittadino che, esaurita la già scarsa verve su Melegnano, da un po’ di tempo ha rivolto le sue mire sull’amministrazione comunale di San Giuliano Milanese» mi invitava a leggere Davide, tre mesi fa, dal gruppo MELEGNANO NOTIZIE.

Non si legga: «blog cittadino», Davide. Si legga: «il blog», Davide. Copiano forme, prendono in prestito piattaforme. Non vivono. L’Italia è un popolo di navigatori e tutti i mari porteranno a RADAR. Ridiamo di loro, brindiamo alla vita.

Sabato 12 maggio, ore 16:10
mamacra@gmail.com

Standard
Cronaca

Melegnano, la mafia non esiste. Esiste solo l’antimafia

MELEGNANO — Prima riunione della commissione consiliare antimafia, nata per volere quasi unanime. Ma la prima convocazione di venerdì 4 maggio delude molti. Che cosa è stato affrontato in assemblea, dalle 20:30 a tarda sera? Sono stati trattati temi astratti e puramente culturali, o invece azioni pratiche vincolate alla realtà di Melegnano?

L’automobile andata in fiamme l’11 febbraio.

QUANDO NON C’ERA L’ANTIMAFIA 

La città sul Lambro è un rogo mai spento.

La notte dell’11 febbraio 2018 un’Alfa Romeo brucia in piazza Piemonte. È l’ennesima. Il 21 marzo un camion di raccolta dei rifiuti va in fiamme nella sede dell’azienda MEA, in viale della Repubblica. 

L’incendio scoppiato presso il bar-tabaccheria Jolly di via 23 Marzo, nella primavera del 2014, e l’incendio scoppiato nel magazzino di bancali a Riozzo, via della Vecchia Chimica, a giugno 2015, sono solo la vetta dell’iceberg.

OGGI CHE LA MAFIA NON C’È PIÙ

«A Melegnano, fatti riconducibili alla presenza di mafia non ce ne sono» iniziò a dire l’ex sindaco Vito Bellomo (Forza Italia) nel 2012. Non smise mai. Fino a negare. Negò in consiglio comunale che il negozio di via Lodi al civico n. 39 fosse stato sequestrato e confiscato dallo stato alla criminalità organizzata.

Per la vecchia maggioranza di destra esplosioni, spari alle vetrine, incendi e roghi non erano riconducibili alla presenza mafiosa. L’azione dell’ex maggioranza Bellomo era l’inattività.

Qual è l’azione del nuovo sindaco Rodolfo Bertoli (Partito Democratico) e dell’assessore Giacinto Parrotta su questa serie di fatti?

Il camion andato in fiamme nella sede MEA. Foto: Il Cittadino

LO SAPEVATE?

Melegnano non si è mai distinta per antimafia. Sola eccezione l’Osservatorio Mafie Sud Milano, con sede a Melegnano, attivo nella cultura e nell’organizzazione della Settimana della Legalità. Per il resto, nessuna azione dei rappresentanti dello stato.

Ma i tempi cambiano. Da febbraio ogni martedì sera un 41enne palermitano residente nel sud est milanese informa, in diretta Facebook e in diretta web, su mafia e antimafia nella nostra località. Offrendo numeri, prassi, dati certi, buone notizie. Si tratta del portavoce locale dell’associazione Libera Contro le Mafie, Leonardo La Rocca. In collaborazione con la neonata web-radio Radio Pubblica Melegnano. I nuovi commissari antimafia melegnanesi lo sanno?

Sanno quanto viene speso in media a Melegnano in slot machines e giochi d’azzardo? Durante la trasmissione è stato dichiarato.

Sono informati sul bene immobile confiscato in via Lodi? L’ex maggioranza Bellomo — i negazionisti — lo ha consegnato nel 2017 un mese prima delle elezioni a un’associazione alpinistica per la durata di quasi 10 anni. Questo è rispettoso della legge n. 109 del 1996 sul riutilizzo sociale dei beni sequestrati alla criminalità organizzata?
Attenzione: riutilizzo sociale.
E quanti giorni all’anno è riutilizzato dalla società l’immobile in via Lodi?

IN CONCLUSIONE

Solo due domande. Cosa viene prima:
1) attivare azioni antimafia, semplici, pratiche, in linea con le leggi, facilmente alla portata di un comune come Melegnano?
2) oppure abbassare la voce quando si parla di cose mafiose, come il centrodestra? È vero che, una volta finita l’epoca di Berlusconi, qualcuno dovrà compiere la nuova alleanza tra l’ex Forza Italia e l’ex PD cattolico liberale; ma i partiti passano, l’occasione di «ben fare» a vantaggio della società, una volta persa, non è detto che torni. Di sicuro non aspetta i partiti.

Mercoledì 9 maggio ore 11:30 
ilblogradar@gmail.com

Standard
Le nostre storie

Storia dei Due Comandanti

«Dopo che l’ultimo blindato aveva oltrepassato il ponte sulla via Emilia, il comandante, nell’offrirmi la sigaretta, mi chiese se avessi dei figli.
Sì, due — risposi un po’ sorpreso. — Un maschio e una femmina.

Allora si avvicinò all’auto, prese un pacchetto e me lo diede:
Giocattoli… Non so se rivedrò i miei.
Ringraziai. Ci stringemmo la mano; risalì sull’auto e la colonna riprese la sua marcia.

Solo allora la tensione nervosa che mi aveva tenuto compagnia per tutto il tempo si allentò, lasciandomi respirare. Solo allora mi resi conto del rischio che avevo corso, perché dei tedeschi si aveva paura tutti. Prima no, prima il dovere di evitare un disastro era stato più forte e mi aveva spinto ad agire. Ecco: il dovere di fare la cosa giusta in quel particolare momento era ciò che mi era passato per la testa.

Così, a pericolo scampato, con le mani che un po’ tremavano , fumando, me ne tornai a casa.
Ah, dimenticavo. Mi chiamo Galileo Lazzari (Leo) e ho 38 anni.
Commerciante, lavoro nel mio bar in via C. Battisti.
Nel 1945 ho comandato il raggruppamento di Melegnano della 57ma brigata Matteotti.
Antifascista da sempre».

Leo Lazzari

_

Si ringraziano la famiglia Lazzari e la sezione ANPI di Melegnano che rendono disponibile il testo.

Giovedì 26 aprile, ore 11:03
ilblogradar@gmail.com

Standard
Fotoreportage

Mercato di Melegnano a peso di limoni

CONCILIAZIONE/4 NOVEMBRE – È il mercato di Melegnano, una domenica di tante. Ronde di polizia, carabinieri, finanza e rinforzi non inibiscono gli ambulanti dalla vendita di limoni, come nella prima immagine.

A destra, polizia municipale in sosta a tutela di un ambulante che offre erbe da cucina. A prevenzione di eventuali attentati.

Lunedì 23 aprile ore 6:00
ilblogradar@gmail.com

Standard
Cronaca

Buca in centro, la via delle Poste è bloccata

VIA MAZZINI – Buca in mezzo alla strada. L’asfalto cede lasciando il posto a una depressione sufficientemente larga per una ruota di automobile.

20180417_145853

I residenti riferiscono di avere notato la depressione formarsi ieri, lunedì. La polizia locale è in questo momento nella via per accertamenti; l’ingresso da via Marconi è temporaneamente chiuso al traffico.

Martedì 17 aprile, ore 15:03
mamacra@gmail.com

Standard
L'inchiesta cinica

Il Clown e l’Imperatore

È INSURREZIONE. Del sistema, contro il sistema. Prima il brexit. Poi Donald Trump. Infine i trade wars, cioè le guerre commerciali tra USA e Cina. Ora la Siria. L’Italia è nella presa di cinque dita: 1) propaganda, 2) anti-politica, 3) autarchia, 4) protezionismo, 5) guerra.

Parole del cacchio. Parole difficili. In Italia si vive di cose facili: di movimento cinque stelle, co-fondato dal comico satirico genovese Beppe Grillo. E di lega nord, l’estrema destra del «nullafacente» Matteo Salvini. Il loro linguaggio scorretto — iniziato con Grillo, a dire il vero — fa presa su chiunque.

Vediamo la cosa più facile, la propaganda.

IL CLOWN E L’IMPERATORE

«Il clown e l’imperatore sono i nuovi opposti polari che regolano il nostro presente», spiega il Washington Post.

Cos’è il Washington Post? È il quotidiano più diffuso nelle metropoli americane. Con questa dichiarazione è come se il Washington Post abbia estratto due carte e abbia letto il futuro dei popoli: tu sarai guidato da un clown, dice agli occidentali. Tu da un imperatore, agli orientali.

In inglese si chiama easy way, cioè il modo facile. Per amore delle cose facili americani e italiani si sono scelti dei leader comici, sboccati. I capi occidentali sono animali da palco. Per fare le cose facili in Cina il congresso nazionale del popolo ha rimosso i limiti di mandato del presidente in carica Xi Jinping. Per governare all’infinito. Il primo comunista del mondo è un sovrano assoluto.

«L’INGOVERNABILE ITALIA» scrive il Washington Post. «In Italia i populisti hanno pesantemente sfruttato un miscuglio di disaffezioni popolari — disoccupazione e sentimenti anti-élite, anti-Europa, anti-immigrati — per ottenere la vittoria alle urne il 4 marzo. Ma non hanno né un programma chiaro né, grazie al rifiuto della riforma costituzionale lo scorso anno, una maggioranza parlamentare capace di affrontare la giustificabile rabbia pubblica. Potranno volerci mesi per formare un governo.
«Al contrario, l’imperatore comunista cinese e il suo monopartito hanno un piano trentennale. Il piano comporta il passaggio da un modello di crescita guidato dalle esportazioni a uno basato sui consumi delle famiglie e sulla trasformazione dell’industria attraverso l’Internet delle cose. Il piano comporta il progetto di costruire di una nuova rotta commerciale della Via della Seta attraverso l’Eurasia — la regione del mondo che sta guidando la competizione globale — e comprende di affrontare con intelligenza il cambiamento climatico. Prevede la fine della povertà; si instaura una società moderatamente prospera; il tutto abbinato a un budget militare crescente. Una leadership forte, decisa, costante. Efficace in tempi turbolenti» conclude il Washington Post. Cose facili, appunto.

LA PUREZZA ASIATICA

Cose facili pure ai russi. Vladimir Putin, altro comunista, oggi è presidente per la quarta volta. Cose facili, ma un po’ serie. Come quella di Li Zhanshu, braccio destro e vero volto dell’imperatore Xi. Donald Trump invece è sicuramente preparato a fare il clown: è uno che si fida a dire:

  1. «Il mio pulsante nucleare è più grosso del tuo» (3 gennaio 2018)
  2. «Nonostante la stampa sempre negativaa, cafveve» (30 maggio 2017, 74mila retweet)
  3. «Potrei sparare a qualcuno in piena New York e non perderei un solo voto» (25 gennaio 2016)
  4. o a sfottere un giornalista disabile del New York Times (25 novembre 2015).

Il senso? Propaganda. Quell’incessante propaganda che tiene in vita i leader mondiali. Vale per Trump, vale per Putin. Dal 2016 è popolare un video del suo intervento nella fabbrica russa Allumina: serio — troppo serio — ordina agli industriali: firmate un accordo, pagate gli operai.

Putin duro e puro, comanda gli oligarchi. Putin boss dei boss. Ma la news è mezza fake: il video è del 2009. E la fabbrica chiuse uguale.
Lui però è di nuovo presidente.
Cose facili.

E NEL SUD EST MILANO?

Hai voglia a cercare. Non c’è nemmeno un clown. Manco un imperatore. San Donato e Melegnano appartengono, coi sindaci Checchi e Bertoli, al tempo di Obama.
San Giuliano torna, con il sindaco Segala, ai tempi di George Bush; che regredire è meglio che curare.

Il termometro locale segna tacche di depressione. Ex sindaci, una volta potenti sui giornali, oggi fanno il debole mestiere del predecessore. Sono rattristati. Candidati e aspiranti candidati locali si fanno la foto al mercato con politici indagati per corruzione, peculato, false fatture. Cose difficili.

È terreno di ex fichetti, di ex capetti — di ex in generale. Capaci di commentare la Siria così: «PD e M5S con USA, Gran Bretagna e Francia. Centrodestra con Russia e Siria. La politica estera chiarisce molte cose». Tradotto: partito democratico e m5s con nazioni ispirate alle leggi. Il centrodestra con due stati attraversati da bande corrotte, bande criminali, bande fondamentaliste. La politica locale chiarisce molte cose.

Lo Staff, ore 15:19
ilblogradar@gmail.com

 

Standard