CULTO DEL SUONO

Una mania piena di grazia

GRECO, RAPPER E PRODUCER che abbiamo conosciuto con 33, ha prodotto un nuovo brano: Piena di Grazia. Fedele al suo programma Greco ha insinuato il sound gotico, sua certezza – costruito nell’intro con una mano alla tastiera e con un essenziale intervallo d’organo nel bridge – nello spazio di ritmiche latinoamericane. Il risultato è una morte torrida che ha fianchi da ballo, esibisce il sorriso smagliante di una vendetta da consumare sul confine messicano-milanese. 

Ancora brillantezza nel testo. È il caso di evidenziare la maestria di questo 34enne talento salernitano, parte viva di uno scene fiero e popolato di virtuosi; è in scena il triangolo erotico, rovesciato rispetto ai tormenti della recente Eyeliner; le strofe sono vera consapevolezza di stile che allinea figure metriche coerenti con la dichiarazione del titolo: innalzare la definitiva lode alla mania pour cette Femme satanée che ha forme vessatorie; assonanza, parodia, rima, ironia e polisemia, mescolare fino all’alba dentro all’ultimo cocktail.

Il videoclip pubblicato il 3 luglio sintetizza in extremis i simboli seminati nel pezzo e le ritmiche del chorus. Chiude – e apre, con l’evocazione dell’atto vintage di inserire una musicassetta nello stereo – il cenno di una storyline; direzione che fa piacere immaginare impressa nei visual a venire, visto che il protagonista Greco sembra pronto a più di un endorsement.

Giovedì 4 luglio
Ore 19:13

Annunci
Standard
CRITICA MUSICALE, CULTO DEL SUONO

Eyeliner, in Casa è entrato il Diavolo

CI AVEVA AVVERTITI: le sue eroine escono dalla stanza all’alba, in punta di piedi o in un telo nero. E adesso che Eyeliner — la sua nuova canzone completa di video, regia di Crowe e produzione SUB711 — si fa strada nell’orecchio, Greco chiarisce il punto «aprire la porta al male».

greco-eyeliner-rap-2019

2

«Si riveste, l’alba scompare». Primo comandamento: terrai a mente il numero 2Eyeliner è una canzone che accade su una linea: di qua c’è luce, di là buio; qui una bocca, là una preda; qui lei, lì un’altra; qui una barba, là un rasoio. È la creazione di Greco e del suo Doppio: è prodotto del rapper e del producer, del musicista e del songwriter; dell’artista in foto — l’immortale — e dell’uomo davanti all’obiettivo — colui che vive, invecchia, perde l’anima. 

Il video di Eyeliner. Guarda e leggi. 

Cos’è successo? C’era Apatica, c’era 33 giri, c’era una direzione. Ma una creatura, con sembianze femminili, è entrata in Casa. Vale a dire nella musica — già dimora di una musa — e la sconvolge. Entra nella musica presente, quella che senti; nella musica latente, quella sotto la linea vocale, sotto i bassi perfetti. Nella musica di Greco la donna può entrare e mandare in pezzi; così la lingua d’arte può frammentarsi, diventare dialetto, balbetta, sussurra, si blocca; e cosa succede in quel refrain? cosa succede al beat? raddoppia, impazzisce? quell’organo sotto cos’è?
E tu che ascolti, che credevi? di avere sentito tutto, di non doverti aspettare nulla di nuovo? Nel rap si vive — e si muore — di una war, fatta di io–tu, di speaker vs listener, di uno contro uno e dell’uno contro l’altro. Ma, occhio, Greco si è fatto carico della sindrome di Dorian Gray, sindrome dell’artista Uno & Trino e, in Eyeliner, mentre voi due vi ammazzate, è la donna-musica ad assumere terza persona, «entrando nella stanza in un telo nero», vincendo il gioco, prendendo tutto. Per un risultato prezioso: creare. Esplodere in direzioni inaspettate. Il prezzo è l’anima; gioco mortale, ma gioco annunciato, che il musicista doveva mettere in conto; gioco che non è più il game del rap. È la scommessa della produzione di un suono nuovo. Nel gioco di quel pensiero che, da tempo, fa della donna il «diavolo». Grave delitto — o «morbo terribile», per dirla alla Greco — quello di essere intelligente nel gestire la carne, la materia. Il suono. Il «male».

Schermata 2019-04-08 alle 14.45.50

«Sadica dea. L’inferno è lei»? Di certo all’inferno c’è buona musica — l’Inferno è la Musica — e la collaborazione di Silvia Aller rende visibile il gioco di un artista, Greco, pronto a innovare il gusto e l’immagine della musica presente.

Lunedì 8 aprile
Ore 14:00
mamacra@gmail.com

Standard
L'intervista

Greco, il rap è pronto per il lato oscuro

,

2019. Ecco che Greco, rapper, songwriter, compositore, illustratore, ha pubblicato canzoni nuove: Apatica e 33. Suonano come brani trafitti, ibridati da ispirazioni grunge, gotiche, dark, trip, minimal. In video porti un look che ricorda le ceneri del romanticismo, i surrealisti, il punk primordiale, i Misfits. Ti sei messo in laboratorio, a sperimentare su creature mai viste?

Per quanto dovrei rispondere alla domanda “ti sei messo in laboratorio?” mi piacciono così tanto le parole grunge, gotico, trip, minimal e poi “romanticismo, surrealismo e punk primordiale” che mi tengo il complimento e passo alla prossima domanda.

Apatica Fotogramma #0

,,

Ogni romanzo gotico ha la sua eroina infetta. «Apatica, balli sudata, truccata da tigre graffiata, ferita nell’ego se non è adorata… il mio odio sei tu» canti in Apatica. «Con il ferro alla tempia tu fingi di essere ciò che non sei» (33).
Che cosa infesta le tue eroine, Greco?

Le mie eroine escono dalla stanza all’alba, o in un telo nero, o in punta di piedi, o dopo essersi rifatte il trucco taccheggiando lungo il corridoio.
Un morbo terribile, manifestarsi col buio e sparire all’alba.
Credo un’odio per il sole, o un’amore sfrenato per la notte.

,,,

C’era una volta Cartavetrata. Lengua a ddoie punt’, primo pezzo in lista, potente, multilingue, velenifero. Oggi, l’impressione è un alleggerimento di suono e scrittura.

È un disco avvelenato, decisamente.
Ero avvelenato anche io.
È stato necessario tempo affinché quel veleno uscisse dalla circolazione.
Oggi racconto di quei ricordi, che per quanto vividi, risultano più leggeri, a quanto pare.

Versione 3

;

Viaggi tra due dimensioni, quella milanese, quella salernitana. C’è da chiederti le cause di questa bi-dimensione. Se è una liberazione, se è un trucco da demone.
E cosa destini della tua creatività all’una, cosa all’altra.

Quando scrivo sono in una stanza, e nella mia stanza può esserci tutto, il mare di Salerno, la metro gialla di Milano.
È tutto parte di me, e ogni volta che torno a Salerno mi porto dietro Milano, e il contrario.
Non credo nei luoghi, credo negli avvenimenti.
Nelle canzoni scrivo quelli, e che sia il mare o le pareti di un Night club, sono solo dei luoghi letterari.

.

«Non cercare la luce fuori». «Non scherzare con il buio altrui se non hai la notte dentro». Esistono frammenti luminosi — il lato positivo degli psicologi — secondo Greco?

Ciò che è luce è il già noto, il già esplorato.
Ogni domanda, il desiderio di sapere, di conoscere, ci spinge verso il buio, l’ignoto.
Ne faccio una questione di orizzonti, di sapere.
Il lato positivo degli psicologi, in merito alla “luce”, credo sia solo uno spiacevole equivoco e una errata analogia con bene e male.

È online il nuovo EP di Greco. Ascolta.

Domande Marco Maccari
Risposte Greco
Lunedì 11 marzo ore 8:00

20190125_154638

Standard
CULTO DEL LAVORO

Eclettica esausta crede nella musica cerca lavoro sul Corriere: l’assumete da musicista o da impiegata?

Cara Gaia, 

comprensibile. Specie dopo i risultati. Ma. 

Ci sono problematiche a livello nazionale nel mondo del lavoro che sicuramente non facilitano l’inserimento di persone della tua età. Non sei sola da questo punto di vista. Con la modifica del sistema universitario e l’adozione del 3+2 si è avuta una svalutazione delle lauree di vecchio ordinamento: con una laurea breve a 22 anni sei già nel mondo del lavoro e hai molte più possibilità di fare stages (con rinnovi e magari assunzione). Inoltre la riforma del mondo del lavoro, con l’introduzione di misure per gli under 30 o per gli esodati, ha praticamente perso due generazioni da inserire stabilmente in ambito lavorativo. Un altro aspetto da considerare è che, con la crisi (a volte usandola anche come scusa), non molte aziende sono disposte a investire nelle persone; perciò preferiscono prendere un giovane perché costa meno anche se ha meno esperienza.

Aggiungiamo che il tuo curriculum, da quello che dici, è molto variegato; ma, se le esperienze che hai fatto sono di breve durata, spesso questo è controproducente, perché viene letto come una tua incapacità nell’avere continuità lavorativa di lungo periodo.

Molte agenzie oggi puntano a più a collaborazioni con freelance o con liberi professionisti a partita IVA, invece che alle assunzioni. Hanno uno zoccolo duro di dipendenti (tendenzialmente non molti, se non parliamo di grandi agenzie) e per il resto si rivolgono all’esterno, cercando figure che abbiano già lavorato nell’ambito della comunicazione e che possano quindi soddisfare le loro richieste. 

Quindi: 

  1. hai aperto partita IVA? Scrivi un progetto al giorno? Per forza, visto che sogni chances in agenzia. 
  1. Cerchi chances in agenzie creative?
    E perché non ti sei messa ancora in gioco?
    Investi sui tuoi talenti. Sei una creativa? Crea. Apri la tua agenzia. Stupisce che tu elemosini una chance dalle tovaglie altrui. Sorprende negativamente che tu scriva ragionando da aspirante dipendente, con le tue capacità. Potresti — e dovresti — ragionare da innovatrice e imprenditrice. 

Poi c’è la tua musica, ottima, che abbiamo ascoltato; parla di una persona che ha seriamente futuro come musicista. Più l’ascoltiamo più sembra la tua strada. Forse a te serve cantare in una band, anche come prima autrice, ma non da solista: stare in mezzo a un gruppo con gente che sa suonare, che ti aiuti a metterti, con gli anni, in riga e con la testa a posto: Brian May lo faceva in continuazione con Freddie Mercury, i risultati si direbbero apprezzabili, no? Se suonare da sola ti fa produrre frasi come «sono una donna cazzuta» (vedi la tua descrizione su Facebook) è meglio suonare con gente che ti riporti tra pari, a considerare che non sei l’unica dotata di bravura, e che ti derida, perché no, se ti sente usare frasi che, oggi come oggi, suonano proprio male. 

Ammutolisci il personaggio. Fa’ parlare i talenti. 

PS Complimenti per i pezzi. Unici. E per il sito

Elisa Barchetta, Marco Maccari, Massimiliano Basile
Venerdì 14 settembre ore 15:00

Standard