Il caso

Palazzo Spernazzati: la lettera della Soprintendenza, il restauro conservativo, la malta cementizia, le contropareti che nascondono tesori 

MELEGNANO — Il 26 maggio la Soprintendenza ha raccomandato di effettuare dei rilevamenti completamente nuovi su palazzo Spernazzati e più rispettosi delle sue origini storiche. Raccomandazione: valutare il restauro conservativo. Il parere della Soprintendenza è uno schiaffo alle affrettate negligenze che il privato proprietario ha commesso in questi anni, con il silenzio dei pubblici poteri e in particolare dell’ultima Giunta che dichiarò al quotidiano Il Cittadino: «La Soprintendenza ha dato parere favorevole all’abbattimento». Non era vero. Leggete.

Oggetto: Melegnano (MI) – Palazzo Spernazzati, via Castellini angolo via Bascapè. Piano di Recupero “Corte Castellini”. Parere specificazioni.

«Essendoci giunte segnalazioni relative all’approvazione del piano di recupero della Corte Castellini, in merito al quale il Comune ha chiesto parere alla Soprintendenza, richiamate le relative note (le nostre protocollate nn. 5964 e 5950 del 2014 e n. 1235 del 10/2/2017) e viste le Osservazioni pervenute — secondo le quali potrebbe individuarsi un nucleo centrale del complesso a corte, delimitato dalla facciata su corte parallela alla via Bascapè e dal muro di spina della corrispondente ala, forse palazzo Spernazzati citato in testi storici con possibili analogie con palazzo Brusati, — vista una documentazione fotografica relativa alla citata facciata, che illustra alcuni dettagli di archi di finestre ed aperture allo stato attuale non visibili, in quanto situate in zone coperte da uno strato di malta probabilmente cementizia, questa Soprintendenza raccomanda che siano diligentemente effettuati i saggi stratigrafici già richiesti nella citata nota del 10/2/2017 al fine di chiarire la consistenza e l’articolazione della facciata e l’opportunità di improntare l’intervento (per quanto riguarda il nucleo sopra indicato) secondo le modalità operative proprie del restauro e del risanamento conservativo.
Inoltre, vista l’ipotesi dell’esistenza di un nucleo centrale più antico, si ritiene utile che sia indagata la effettiva consistenza architettonica provvedendo a togliere eventuali contropareti che possano celare elementi di interesse.

Si specifica che i risultati dei saggi stratigrafici e delle altre opportune indagini dovranno essere esaustivamente documentati e sottoposti all’attenzione dell’Ufficio della Soprintendenza».

Lo Staff, mercoledì 21 giugno 2017 ore 6:00 
ilblogradar@gmail.com

Standard
Cronaca

Vi siete riuniti di nascosto, avete votato la distruzione di palazzo Spernazzati

MELEGNANO — Il 6 giugno, di nascosto e in tutta fretta, la giunta comunale uscente, con la delibera n.92, ha approvato il Piano di Recupero n.86 detto «Corte Castellini», che riguarda il Palazzo Spernazzati situato nel centro storico di Melegnano. Un’approvazione fatta in fretta e furia:

— immediatamente a ridosso delle elezioni,
— in totale disprezzo del legame d’affetto e dell’interesse manifestato da decine e decine di concittadini,
— con l’arrogante chiusura mentale di imporre alla prossima giunta, da eleggere questo mese, la propria decisione come un fatto compiuto,
— con il pasticcio di chi, dopo la tavola rotonda del 1° giugno espressamente dedicata alla protezione dei beni storici e architettonici, non ha avuto il coraggio di comunicare la sua intenzione.

I politici non sono una classe particolarmente malevola della società italiana. Al contrario sono la fedele espressione della comunità. Rodolfo Bertoli, Giuseppe Di Bono, Giuseppe Marsico, Lucia Rossi, candidati sindaco che hanno dimostrato interesse per la salvezza di Palazzo Spernazzati, sono espressione di una società civile radicata nelle sue vive tradizioni. Certamente la candidata Raffaela Caputo, che ha votato la distruzione di Palazzo Spernazzati, rappresenta una porzione della società civile, questa sì particolarmente malevola, quella che ha cercato di costruire le sue fortune spregiando gli interessi della comunità; comportamento che, però, non potrà essere perseguito all’infinito. Anzi, avrà una buona occasione di terminare l’11 giugno, quando i cittadini che hanno a cuore il bene comune daranno a loro e ai loro colleghi il benservito nell’urna.

Cordialmente.

I cittadini promotori del restauro di Spernazzati

La pubblicazione su RADAR è a cura dello Staff, venerdì 9 giugno 2017 ore 20:00 
radarilblog@gmail.com

Standard