CULTO DELLA CITTÀ

Belloni odia l’Angola

«Non capisco perché noi italiani dobbiamo fare ISEE e dimostrare che abbiamo/non abbiamo proprietà e beni, mentre per gli altri è sempre tutto gratis… a prescindere…
Io vorrei che venissero controllati gli Isee di TUTTI, italiani e non, perché devo capire come mai gente porta a scuola i figli con macchine nuove o macchinoni e ha tutto gratis… cosa rode? Che è finita la pacchia» scrive F., lodigiana.

Nulla da obiettare, regole e norme sono sacre. Le modifiche fatte in nome delle buone regole sono sacre altrettanto. 

Se però l’assessoressa Sueellen Belloni — lo ha espresso su Radio24 il 14 settembre, nel corso del programma Effetto Giorno (minuti 18:50) — dichiara: «Stiamo applicando una norma che divide tra cittadini comunitari e cittadini extracomunitari. Ci sono italiani che vivono sotto i ponti, se un extracomunitario ha una casa in Angola può anche ritornarci, l’italiano no», allora sorge il dubbio che le modifiche non sono fatte in nome di una buona regola.

«Va bene, però, accedere» ha replicato il conduttore Simone Spetia, «al catasto del Bangladesh, dell’Eritrea… dell’Etiopia, del Mali… non è esattamente un procedimento immediato. C’è chi dice che voi vogliate cacciare queste persone da Lodi. Che cosa puoi ricavare da un affitto di una casa in Angola?».

Se così dichiara l’assessoressa Belloni, sorge il dubbio che le modifiche siano fatte in nome del disprezzo e dell’odio per chi è nato in Angola, o in altro Paese extracomunitario. Disprezzo che in un assessore, in un comune della repubblica non ci deve stare.

Lo Staff 
Domenica 16 settembre, ore 06:00

Annunci
Standard