Cronaca

‘Sti beni confiscati: li vogliamo utilizzare?

CORTILE DEL CASTELLO – Chi dice che con questi sette giorni non si combatte la mafia, è perché la mafia non l’ha mai combattuta. Finisce la Settimana della Legalità 2015, evento ad alto contenuto formativo antimafioso, seguito da tutte le parti attive della società sudestmilanese. «I cittadini che partecipano lo fanno per capire qualcosa di più. Qui al nord stiamo come dormendo; bisogna ammettere la presenza della mafia – è la sintesi di Maria Luisa Ravarini e Stefania Rossi, Osservatorio Mafie Sud Milano. – È una forma di omertà al nord, travestita da individualismo».

Musica nuova con la legge regionale approvata a giugno, che eroga denaro e risorse agli enti locali. Lo dichiara Carlo Borghetti, consigliere eletto e commissario antimafia della regione Lombardia, invitato alle 16 di oggi pomeriggio per discutere di legalità. «C’è un compito nelle nostre istituzioni verso coloro che nella società civile si danno da fare – dichiara. – C’e un ruolo per ciascuno, come cittadino, come amministratore, come membro di un’associazione. Siamo passati da quando negavamo (io ricordo che, a Milano, in consiglio comunale si negò l’opportunità di fare una commissione antimafia) ad oggi, che abbiamo due leggi in una. Infatti avevamo depositato due progetti di legge, costruiti insieme a Libera: di educazione alla legalità e di contrasto alle mafie».

«Guai a dire: non ce la possiamo fare – ricorda Borghetti. – È il più grande favore che possiamo fare alle mafie, assieme a quello di non parlarne. La nuova legge prevede la creazione di una giornata regionale, il 21 marzo, 1° giorno di primavera, in Lombardia. Prevede anche l’istituzione di bandi per le amministrazioni comunali e le scuole, per stimolare giochi e prodotti che aiutino a capire il rispetto della legge. Prevediamo infine di aggiornare le polizie locali e i tecnici comunali: oggi la ‘ndrangheta e più sofisticata e capillare; nei palazzi comunali c’erano donne delle pulizie e manovali, che facevano le spie per la ‘ndrangheta».

«Sono gli appalti nella sanità a fare più gola alla ‘ndrangheta – chiude. – Inoltre, c’è a questione sui beni confiscati al crimine organizzato. Utilizzarli a fini sociali è un risarcimento doppio».

Leonardo La Rocca, del Presidio Libera Sud Est Milano, raccoglie il testimone. «Nel 1996, Libera propose il riutilizzo sociale dei beni confiscati a mafiosi e corrotti, con una legge di iniziativa popolare. Risultato, 1 milione e mezzo di firme. Il disegno di legge fu approvato la notte prima che la proposta scadesse – spiega. – I beni confiscati sono ciò che ci permette di riconoscere le mafie nel nostro territorio. A questo proposito, abbiamo beni confiscati sottoposti a vandalismo. Ma, se un bene confiscato viene vandalizzato, è ad opera degli stessi soggetti ai quali è stato confiscato. Viene vandalizzato e distrutto al momento della confisca definitiva, quando gli ex proprietari sanno che non ci metteranno più piede. Sono beni che non vengono devastati a caso: penso a un bene cui fu distrutto l’impianto idraulico in modo tale da allagare 50 mq di cucina, o dove tolsero le tegole per favorire infiltrazioni d’acqua. Questo dimostra che ridestare quei beni fa bene. A Melegnano ce n’è uno. Sono occasioni per la popolazione di rilanciarsi».

Angela Fioroni, di Legautonomie, parla di ludopatia e gioco d’azzardo. «Ogni 10mila abitanti, 100 sono giocatori problematici e 50 sono giocatori patologici. I malati in Italia sono 4000. Che il fenomeno sia grave è testimoniato da due sentenze di Corte Costituzionale – inizia. – Slot machines e gratta & vinci sono i due giochi più usati, perché sono immediati. La macchinetta inizialmente fa stare bene; dà il senso di allontanarsi dalla fatica di gestire la vita quotidiana. I giovani tra i 14 e i 18 anni sanno tutto sul gioco d’azzardo, perché lo vedono in pubblicità TV, perché hanno le sale gioco a 30 mt dalle scuole. Pensate: a Milano, laddove più il gioco d’azzardo è alto, più sono alti gli omicidi e le rapine. Sono tre le zone di questo tipo, Buenos Aires, Loreto e Stazione Centrale, dove le mappe dell’azzardo e della criminalità organizzata coincidono».

Marco Maccari, domenica 11 ottobre 2015 ore 22:28

mamacra@gmail.com

@mamacra

Annunci
Standard
Cronaca

Ciconte e la ndrangheta: con un rito vi seppellirà

SETTIMANA DELLA LEGALITÀ – Enzo Ciconte, il primo in Italia a parlare di andrangheta. Scrive libri. Tanti. L’ultimo ha il titolo Riti criminali, i codici di affiliazione alla ‘ndrangheta. L’Osservatorio Mafie Sud Milano l’ha invitato a Dresano ieri sera e questo è il suo brillante colloquio con il pubblico.

«Sono calabrese, ma sto più al nord che al sud. È molti anni che vengo dalle vostre parti, in Emilia Romagna in modo particolare. A dire: guardate che qui c’è un problema. Guardate che qui c’è una realtà predisposta al rischio. In molti mi credevano; altri no. Del resto ricordo che il prefetto di Milano disse ‘la mafia a Milano non esiste’ proprio 15 giorni prima che iniziassero 300 arresti per mafia. Io dicevo che era vero, che la mafia a Milano non c’era. C’è la ‘ndrangheta. Che è peggio.

«La ‘ndrangheta ha rituali. I carabinieri hanno registrato riunioni nelle quali venivano conferite le doti di ‘ndrangheta, anche dette fiori. L’ultima dote è stata conferita qui in Lombardia. Se andate su YouTube, vedete che è stata conferita la Santa. Dote altissima, di coloro che possono fare parte della massoneria deviata.

«Nel mio libro Riti criminali ho voluto descrivere quello che succede nei rituali di ‘ndrangheta. Perché i mafiosi vengono pensati come un fatto antico. Se noi pensiamo che i rituali fanno parte del folklore facciamo un errore madornale. Pensate a quello che sta succedendo nel Sinodo a Roma. Avete visto i paramenti dei vescovi? Perché i rituali della Chiesa, o della Massoneria al massimo grado, quella inglese – personaggi di altissimo livello, con grembiulino, triangolo, con i simboli delle logge massoniche – perché nessuno pensa di dire che sono rituali arcaici? Perché sminuire un fatto costitutivo? Avete mai visto un cattolico senza la Bibbia? Così, non ci può essere uno ndranhetista senza rituali.

«Portatevi con la mente nella Calabria dell’800 o primi del ‘900. I giovanotti, figli di braccianti, zappatori, contadini, sentivano parole grosse. Formulari che apparentemente sono normali… ‘Dove cammini? Fra il cielo e la terra’. Tutti quanti ricordiamo come si facevano le messe in latino. Ma quanti capivano quello che diceva il prete? La stragrande maggioranza non capiva. È la stessa cosa per la ‘ndrangheta. Conta la continuità. La ripetitività. Il patto che ti dava sicurezza che venivano ripetute le stesse cose. Che tu entravi in un mondo magico, dove gli altri non possono entrare. Nella ‘ndrangheta non possono partecipare tutti. Le donne, no. Primo sbarramento. Poi non possono fare parte tutti quelli che hanno una divisa, poliziotti, preti, guardie. Certo, ci sono anche eccezioni, ci sono stati preti pungiuti. Ma il fascino qual è? E dobbiamo capirlo. Chi partecipa alla ‘ndrangheta partecipa a un’organizzazione di élite; non è un fatto popolare. Solo quelli che hanno alcune caratteristiche: ferocia, violenza, ma anche, come la ‘ndrangheta di seta, che hanno capacità avvolgente, di fare politica. Solo i migliori. Tutti gli altri sono pecore.

«Per un giovane figlio di pecorai, questo discorso lo portava alle stelle. Tutti i collaboratori di giustizia raccontano che quando andavano a fare il rito si sentivano tremebondi! Tutti i racconti anche nell’800 scandiscono questa cosa. Una volta il matrimonio era indissolubile. In tutte le professioni, puoi dimetterti. Anche il papa può dimettersi. Nella ‘ndrangheta, le dimissioni non sono contemplate. Quando fai i riti battesimo ti pungono il dito, una goccia di sangue cade su un’immaginetta sacra che viene bruciata e va in cenere. Ti dicono che, se esci, puoi rientrare nel momento in cui riesci a recuperare la cenere e a rifare quella stessa immaginetta sacra. Impossibile. Ti impegni nella vita. Non è solo un’organizzazione di violenti ma è molto più complessa.

«Chi sono Osso, Mastrosso e Carcagnosso. Antenati. Altri nomi sono Minofrio, Misgarro e Misghizzi. Ogni tanto viene fuori di tutto… ma i mafiosi vanno anche presi un po’ per il culo. Chi sono? Tre cavalieri spagnoli. Ma sono esistiti? No. Sono una leggenda, secondo cui facevano parte di un’associazione segreta spagnola; nel 1412 sarebbero venuti dalla Spagna in Italia perché avevano ucciso una persona che aveva violato la propria sorella. Erano dei latitanti. Arrivano nell’isola della Favignana. È una località stupenda. Sono rimasti chiusi 29 anni, 11 mesi e 29 giorni (30 anni meno un giorno). Hanno approntato le regole sociali dell’Onorata Società. Escono tutti e tre all’aria aperta. Il primo dalla Favignana va in Sicilia, si ferma a Palermo e forma Cosa Nostra. E così via. Naturalmente è una leggenda ma, attenzione, mostra che i cavalieri formano le tre organizzazioni insieme. Di solito sono divise. È difficile trovare libri che parlano delle tre insieme.

«Vi racconto un episodio personale. Io e Vincenzo Macrì, giudice, scriviamo un libro sulla missione di Nicola Calipari in Australia. Calipari da ragazzo faceva parte della squadra mobile a Cosenza. Una città babba, dal punto di vista mafioso. Lui capisce che invece che gli ndranghetisti c’erano, e per questo lo ostacolano. Lo Stato, vedendo che era minacciato, lo manda in Australia, lo sostituisce. Un giorno la moglie, Rosa Calipari, deputata, commette l’imprudenza di dirmi che quando suo marito era andato in Australia aveva fatto una relazione sulla ‘ndrangheta in Australia. Aveva un allegato. Conteneva tre rituali di ‘ndrangheta in Australia. Tre diversi. C’è uno zoccolo comune. Insomma, io e il giudeice presentiamo il nostro libro in un giardino di un amico a Favignana. Era estate. Quando racconto la storia di Osso, Mastrostefano e Carcagnosso, la gente apre due occhi così. Nessuno ricordava quella leggenda. Enzo Patti, un pittore, rimase stregato. Fece delle tavole sui tre cavalieri, e uscì un libro illustrato.

«Perché la leggenda parla di Favignana e non di Aspromonte, che ha grotte bellissime, o della Sicilia? Perché la sede leggendaria è in un’isola? Perché era la sede del carcere dei Borboni, dove mandavano a morire i condannati. Si capisce il legame che i mafiosi hanno sempre avuto con le carceri.

«Il punto è che negli ultimi anni, molti ‘ndranghetisti sono del nord. Oggi Milano, Segrate, comuni dei dintorni. Sono i figli, i nipoti de clan. Che ormai fanno parte del panorama giudiziario, perché un pezzo di imprenditoria lombarda ha pensato di prendersi una scorciatoia e invece di fare quello che il capitale vuole, la libera concorrenza, hanno cercato il monopolio, la protezione. 1. Per fare più soldi, il più rapidamente possibile. 2. Perché hanno bisogno di protezione sui cantieri; utilizzano manodopera che danno loro i mafiosi, che costa di meno, che non ha sindacati che pretendono adeguazioni dei salari; danno la possibilità al padrone del cantiere di fare tutto quello che vuole. 3. Perché hanno bisogno dei mafiosi per recuperare i crediti. Di questi tempi l’imprenditore si rivolge ai giudici? No, alla ‘ndrangheta. C’è la storia di Ivano Perego. Un personaggio straordinario. Ma quando incontrò difficoltà economiche si rivolse alla ‘ndrangheta. In questi casi in azienda arrivano i soldi della ‘ndrangheta, ma arrivano anche gli ‘ndranghetisti. I quali pretendono di governare loro l’azienda. Ivano Perego da padrone che era diventava pedina. Perde l’azienda, fallisce e va in galera. È la capacità della ‘ndrangheta di impossessarsi delle aziende degli altri. Lo dico da 15 anni. C’è un fenomeno che ha investito il nord, ci sono imprenditori che chiedono prestiti a usura. L’usura del cravattaro è diversa da quella mafiosa. La cravatta ti può strozzare. Allora allenta il nodo. Alla fine monetizza, ma non ti strozza mai. Non ha interesse a strozzarti, ma che campi mille anni e il debito non lo estingui mai. All’usuraio mafioso invece non gliene frega di meno della cambiale che si rinnova mese dopo mese. Non paghi il debito? Ti prendo l’azienda. Oppure, da persona perbene, tu rimani formalmente il proprietario. Questo meccanismo ha spostato proprietà di aziende alla ‘ndrangheta calabrese, senza colpo ferire. Nessuno se n’è accorto. Tutto il resto avviene nel segreto di banche, di finanziarie, di studi notarili, senza che nessuno di voi se ne accorga. Se tu hai rapporti con i mafiosi ne esci con le ossa rotte. Non gliene frega niente.

«Per questo è importante dire agli imprenditori lombardi che devono cambiare strada. C’era una parola che connotava il Mezzogiorno, ed era omertà. Oggi l’omertà non è più un fatto dei meridionali. Gli imprenditori davanti ai giudici non parlano; se leggete i testi di Ilda Boccassini, se leggete le intercettazioni al telefono, gli imprenditori alla cornetta fanno fuoco e fiamme contro i mafiosi. Ma davanti ai magistrati: non lo conosco. Quella non è la mia voce. Nel Mezzogiorno l’omertà ha una motivazione storica. Pensate a un meridionale di tre secoli fa, analfabeta che andava contro il potente di turno. Il potente gli girava le parole, perché lui aveva studiato. Succede anche adesso. Quello doveva stare zitto. Era la cosa migliore. Il silenzio aveva una radice storica. Era il modo migliore per difendersi. A migghiu parola è chilla non ditta. Esattamente trapiantata e impiantata a nord.

«Dobbiamo riuscire a ribaltare questa situazione al nord, che è la nuova frontiera della mafia: qui ci sono i dané. Vi hanno ingannato con una teoria farlocca, che la mafia è una cosa da terroni e arretrati. I rituali di ‘ndrangheta non sono folklore, sono l’essenza del modo di essere dello ‘ndranghetista oggi. Se nella chiesa cattolica i riti valgono da mille anni, una ragione c’è. La chiesa costruisce una retorica: se sei chiamato diventi prete. È un errore ridicolizzare questi codici.

«Nei giornalisti c’è una pigrizia intellettuale che ha liquidato il fenomeno delle mafie come un fatto che riguarda assassini, e criminali. Se c’è da fare uno studio, non lo fanno. C’è una rinuncia a fare indagini in quel mondo. Quindici anni fa nessuno di quelli che si occupavano di mafie aveva una cattedra che se ne occupasse. La scusa degli accademici era: ah, ma, in quel modo gli diamo un riconoscimento accademico. Ma il problema non è questo. È che tu devi dare a studiosi e studenti i fondamenti per capire cosa sono le mafie, soprattutto strumenti giuridici. Un magistrato della Dda di Milano fece una ricerca per capire che cosa succedeva al nord. Lo chiamai: ti devo chiedere atti giudiziari, gli dissi. Quando arrivo, busso, mi apre e mi dice, dito puntato: tu mi sei costato 500mila lire. Perché non aveva mai trovato nulla di scritto sulla ‘ndrangheta. Poi lesse il mio primo libro sulla ‘ndrangheta: per fortuna, dice, vado a Bari, lo leggo, lo trovo bellissimo, così ho comprato un sacco di copie le ho regalate a poliziotti e carabinieri. Capite? Quel magistrato diceva che all’università la parola ‘ndrangheta manco la sentiva dire.

«Mazzaferro, Novella, Pino Neri sono stati la ‘ndrangheta padana. Mazzaferro formò una locale importante che andava prendendo peso, con importanza politica ed economica indipendente. Fu arrestato e quel progetto è finito nel dimenticatoio. Perché tentavano l’independenza? Perché erano economicamente forti. Poi ci fu un tentativo, di Novella, che non aveva un pedigree mafioso come Mazzaferro. Lo hanno amazzato. Pino Neri, personaggio straordinario. Finisce nella prima inchiesta sui Mazzaferro, e viene condannato a 6 anni come trafficante di droga ma assolto dal reato 416 bis di concorso esterno in associazione mafiosa. Si ammalò gravemente. Apre uno studio commercialista, ha capacità di relazione con il mondo amministrativo, specie con il direttore amministrativo ASL di Pavia, il cuore della sanità lombarda. Organizzò una riunione per ricostituire la testa tagliata con Novella. Fu a Paderno Dugnano, nel circolo Arci Falcone e Borsellino. È stata filmata. È su YouTube. E Pino Neri fa un discorso straordinario, spiega ai convenuti come il grande mafioso avesse sbagliato. Bisognava eleggere uno ‘ndranghetista e votano all’unanimità per il candidato di Neri. Erano riuniti a ferro di cavallo, altra formula del cerchio formato di onorata società. Perchè questo rituale? Immaginate la scena: un giovane entra per la prima volta, e chiede di essere affiliato. Si trova davanti i capi bastone più importanti del suo comune, che lo mettono in mezzo al cerchio. Sei protetto. Però il cerchio, se tu tradisci, significa: sei accerchiato, ti daremo la caccia davanti, di dietro e di lato. Quando Pino Neri fa l’interrogatorio dai magistrati, dice: sì, ci siamo riuniti, però era riunione della cultura nostra, della tradizione calabrese, noi ci riunivano per discutere di osso, mastrosso e carcagnosso; dovete mettere la legge che chi lo fa è arrestato. Tragico, perché dietro questi rituali si nasconde una ‘ndrangheta feroce che va contrastata e vinta. Se guardate poi quello che è diventata la ‘ndrangheta, una holding, capace di eleggere sindaci o consiglieri comunali…».

Marco Maccari, sabato 10 ottobre 2015 ore 9:00

mamacra@gmail.Com

@mamacra

Standard
Cronaca

Mario Caniglia: dichiarai guerra alla mafia, e le mostrai i denti

L’intervento di Mario Caniglia, ospite della Settimana della Legalità ieri sera con Leonardo La Rocca

SAN GIULIANO MILANESE – Noi ce la faremo. Mario Caniglia, agricoltore, imprenditore, 17 anni di scorta, 17 anni di no al pizzo, fermamente crede. Leonardo La Rocca, del presidio Libera Sud Est Milano: ce li abbiamo sotto casa, ma davvero sotto casa, dice. All’Ortomercato di Milano, controllato dalla ‘ndrangheta con il racket dei pallets, prendevano i proventi e li investivano nel Sud Est di Milano.

Mario Caniglia, il coraggio della paura. La paura di diventare, lui e la sua famiglia, schiavi della mafia. Racconta. «La forza e il sostegno me l’hanno dati la mia famiglia. Perché la forza e il sostegno della famiglia in queste cose è fondamentale. Se non fosse stato per la mia famiglia sicuramente non ce l’avrei fatta da solo, con la mia denuncia, quando si rese pubblica la mia storia. Perché io feci l’infiltrato, e scoprii senza volerlo che c’era stata una guerra di mafia, morti ammazzati. Scoprii pure che al mio paese a pagare il pizzo erano tanti. Con nomi e cognomi e relative cifre. E poi osai sfidare i mafiosi. E quando li ho visti in faccia, ho capito che loro non sono nessuno. È la nostra paura a renderli forti. Li ho incastrati e consegnati alla giustizia. Io, nella mia città, per metà ero cornuto e carabiniere, nella mia zona. È la peggiore offesa. Anche a questa offesa ho risposto che orgogliosamente ho fatto lo sbirro, ho fatto il carabiniere. I miei parenti mi salutano a stento. Gli amici di un tempo se ne sono andati. I parenti sono come le scarpe, o sono stretti o ti stanno male. Lo Stato… uhm. Eh, be’, con lo Stato abbiamo avuto incontri e scontri. Quando dichiarai guerra alla mafia, e le mostrai i denti, c’è stato un silenzio lunghissimo, e in quel silenzio lo Stato ha pensato che io mi fossi messo d’accordo con i mafiosi. E ha osato minacciarmi. Mi diceva che mi avrebbe messo in galera e che avrebbe buttato la chiave della cella. È stato un momento duro. C’è stato un riscatto, sono ritornato a denunciare, e lo Stato è tornato ad avere fiducia in me. Premesso che io, dal primo momento, ho avuto fiducia nelle istituzioni. Una settimana prima che arrestassero i miei estorsori, ci furono scontri con alti funzionari del servizio centrale di protezione. Dicevano che io e la mia famiglia dovevamo fare le valige e andarcene via. Dissi, e lo misi per iscritto, che se in Sicilia tutte le persone che denunciano devono andarsene via, allora in Sicilia resteranno solo i mafiosi, e io questa soddisfazione ai mafiosi non la do. Vero è che da quel giorno vivo giorno e notte scortato e blindato. Ma nessuno ha avuto il coraggio di ripensarci. Perché chi nasce omertoso, omertoso muore. Però posso dire che nella mia città sono diventato un punto di riferimento per gli altri imprenditori. Io li faccio incontrare con i carabinieri, e denunciano. Oggi stanno denunciando, anche se i media non lo raccontano. Dico a voi: oggi denunciare conviene. Nel ’99 hanno fatto fare una legge, la 44/99, ai nostri parlamentari, che dice: tu, commerciante, dal momento che denunci, a te ci penso io. Se a te commerciante ti bruciano il negozio, io Stato te lo rifaccio più bello di prima. Chi vi parla non è mai stato lasciato solo. Oggi denunciare conviene… e allora perché nessuno denuncia? Perché non ci sono denunce a macchia d’olio? Mia moglie veniva offesa, andando al mercato. Per un certo periodo a tutta la famiglia ci offendevano con un insulto che per noi siculi è pesante. Vedevo mia moglie afflitta, qualche volta anche si metteva a piangere. E così anche i miei figli. E così capii che dovevo uscire allo scoperto. Grazie a Dio, alla mia forza di volontà ed esperienza, tutti i telegiornali e la carta stampata nazionali e internazionali mi hanno intervistato. E ho incontrato sia chi la penna la sa usare, perché la penna sa resuscitare i morti, come sa ammazzare i vivi. Invitai questi signori e feci una conferenza stampa, dicendo che non ho fatto nulla di eccezionale, che io non dovevo pagare il pizzo, e che con la mia denunzia difendevo la mia famiglia, la mia libertà e la mia dignità. Perciò, con la mia denunzia non ho fatto niente di eccezionale. Da quel giorno, mai più nessuno si è azzardato a dire niente a mia moglie o ai miei figli. A ogni azione c’è una reazione. E così ho risolto questo problema.

«Io mi sento un vincente perché sono un uomo libero, e libero a 360 gradi. Non è tanto la mazzetta; è che poi quei signori arrivano, e dicono: mi devi assumere quella persona perché appartiene a noi, e già assumendo quella persona è entrata nell’azienda una boccata di veleno. È che poi vengono e dicono: tu le cassette non le compri qua, le compri là. E il prezzo lo fanno loro. E quando un commerciante non può mercanteggiare, diventa o un prestanome, o un fallito. Con la mia famiglia ho fatto una scommessa. Oggi ho circa 80 ettari di aranceti. Iniziai da 12 ettari. Con me c’erano 15 operai. Avevamo fatto, come si suole dire, da 1 a 100, anzi, quasi: da 1 a 99. Dicono che oggi c’è la crisi… ma non è nata nel 2009, la crisi, è nata nel 2000, con la globalizzazione. In Italia non eravamo pronti. Ogni cittadino aveva delle riserve nelle banche. Perché il popolo Italiano pensava sempre al futuro, e risparmiava. Bene, per fare 100 siamo ripartiti, abbiamo fatto una nuova ricerca di mercato, e non abbiamo fatto 100, ma 200. Abbiamo ampliato il magazzino, abbiamo comprato i macchinari, e siamo arrivati a 300. E non ci siamo fermati. Siamo a 400. E con le nuove campagne che stanno per iniziare forse arriveremo a 500. Ecco perché sono un vincente».

Marco Maccari, venerdì 9 ottobre 2015 ore 10:54

mamacra@gmail.com
@mamacra

Standard
Cronaca

«Innamoratevi di voi stessi, della vostra terra»

SAN ZENONE AL LAMBRO – «Quando racconto agli studenti che cos’è la mafia, comincio così. Se a un ragazzo rubano l’automobile o lo scooter, e se porta 300 euro alla mafia per ritrovarlo, al 90% delle possibilità la mafia glielo fa riavere. Questo allora fa pensare alla mafia come a una risorsa, a un servizio. In realtà è solo una leggenda metropolitana…». Dario Riccobono, 36 anni, cresciuto a Capaci, nel 2004 era uno degli otto ragazzi che volevano aprire un pub a Palermo. Arrivati alla lista delle spese di apertura, si chiedono: e se passa il mafioso a chiederci il pizzo? La risposta fu: be’, addio pizzo.

«Dal 2004 la rete di AddioPizzo è cresciuta di 100 membri all’anno, siamo a 1000 aderenti. La mafia si tiene lontana dai nostri negozi» ha detto ieri sera Riccobono, ospite della prima serata della Settimana della Legalità 2015. AddioPizzo è la rete di consumatori che ha contribuito ad aprire ormai dieci anni fa, sull’esempio del coraggioso commerciante Libero Grassi eliminato da Cosa Nostra. «Il pizzo sembra semplicemente una somma di denaro, estorta a negozianti e commercianti – continua Riccobono. – No. Il pizzo in denaro consiste in una somma molto modesta; ed è un rischio per il mafioso, perché la possibilità di venire denunciato è pur sempre aperta. Il pizzo ha diverse forme. È pizzo anche l’imposizione di lavoratori da assumere come personale, lavoratori non necessariamente affiliati alla mafia, bensì persone che chiedono favori. Alla mafia la sommetta di denaro non interessa. La mafia con il traffico di droga guadagna molto di più» chiarisce Riccobono.

È la dignità. È la libertà del singolo cittadino, e di tutto un popolo, a trovarsi sul piatto della contrattazione del pizzo, a trovarsi messa in discussione dal pizzo stesso. «Pagando il pizzo il commerciante riconosce una tassa alla mafia. Le riconosce l’autorità per riscuoterla, le riconosce il diritto a chiedere ciò che chiede, il diritto di esercitare controllo sul mondo del lavoro e sul prezzo finale. Perché il pizzo diventa un costo che ricade sul prezzo finale, che pagano i clienti. Noi cittadini» sottolinea il 36enne.

«Il giornalista siciliano Francesco «Ciccio» La Licata racconta un aneddoto – va avanti Riccobono. – Nel dopoguerra, una donna di origine popolare si reca al Monte di Pietà per impegnare i pochi oggetti che possiede. Cose personali, dal valore esclusivamente affettivo. Sfortunatamente non rivedrà mai più i suoi oggetti: tornata in seguito per riscattarli, le dicono: signora, è troppo tardi. La donna, disperata, va dal boss mafioso di quartiere, che mette le mani avanti: non le promettiamo nulla. Ma la donna l’indomani riottiene tutti i suoi beni. Morale? La donna non avrà mai bisogno di ricevere istruzioni. Se vedrà il boss fare una rapina sotto il suo balcone, lo denuncerà? Assolutamente no.
«Se apre una nuova macelleria con prezzi più bassi, e i macellai di quartiere, invece di inventarsi strategie competitive, si presentano a casa del loro estorsore per chiedergli di intevenire: che cosa succederà? Succede che il mafioso scenderà in strada e detterà il prezzo della carne in quel quartiere.
«In un modo o nell’altro, il costo del pizzo non ricade solo sul commerciante ma sulla gente, su tutta la clientela. Pagare il pizzo è un costo di gestione. Va sommarsi alla paga dei dipendenti, all’affitto del locale. Il pizzo aumenta il prezzo finale.
Nel 2005 siamo riusciti a pubblicare su due pagine del Giornale di Sicilia 3700 firme raccolte contro il pizzo. È con questi numeri che siamo andati dai commercianti a proporre di aderire alla rete di AddioPizzo, portando nuovi clienti pronti ad acquistare prodotti sui quali non c’è il pizzo».

«Il nostro è sano egoismo. Lo facciamo per noi stessi. Giuseppe Di Maio, pentito e collaboratore di giustizia, disse di noi: “Se un commerciante aderisce ad AddioPizzo non ci andiamo, sono più le camurrìe, le seccature, che altro. Colpire tutti i ribelli non è possibile”. Sapete cos’è triste? Sentire i politici lombardi dire oggi quello che dicevano i politici siciliani negli anni Settanta: la mafia è assolutamente brutta ma, qui, nel mio paese, per fortuna non ce n’è. L’invito è: cercate di innamorarvi di voi stessi, della vostra storia, della vostra terra».

Marco Maccari, martedì 6 ottobre 2015, ore 14:47

mamacra@gmail.com
@mamacra

Standard